FA DISCUTERE IL BONUS DI 100 EURO A CHI HA LA MEDIA DEL 9 INTRODOTTO NELLA SCUOLA DI PADOVA

Continua a far discutere l’introduzione di un bonus di cento euro per gli studenti che raggiungono la media del 9 introdotto in un istituto di Padova.

Come è ormai noto a chi segue le vicende del mondo della scuola, l’iniziativa ha preso il via da alcune settimane. Non solo i ragazzi che eccellono avranno il compenso ma è previsto anche il rilascio di un attestato di merito. La consegna avverrà nel corso di una vera e propria cerimonia, denominata ‘serata delle eccellenze’.

FAVOTREVOLI E CONTRARI

Si tratta di un’idea che non ha precedenti e che ha aperto un acceso dibattito, che vede interrogarsi più in generale anche sulla questione del merito.

L’ultima a intervenire in ordine di tempo è la Rete degli Studenti Medi, alla quale il premio in denaro proprio non piace.

“Si tratta di un incentivo economico – spiega la Rete – che, agli occhi di chi ha scelto di istituirlo, dovrebbe incentivare i giovani ad un maggior impegno in materia scolastica e dunque favorire l’apprendimento. Invece, nella pratica, consegna agli studenti esclusivamente un altro obiettivo per cui avere ansia”.

“E’ la scuola del Merito – viene aggiunto – Quella del “chi prima arriva, meglio alloggia”. Ma gli studenti non sono d’accordo: l’obiettivo della Scuola Pubblica dovrebbe essere quello di pensare a chi rimane indietro di rimuovere gli ostacoli per chi è privo di mezzi, parafrasando la Costituzione, non premiare ed osannare chi eccelle”.

LE CRITICHE DELL’ARCIVESCOVO DI BOLOGNA

Sulla scuola si registra l’intervento dell’arcivescovo di Bologna e presidente della Cei Matteo Maria Zuppi. Il suo è un intervento su questioni più generali e alla base della sua presa di posizione è la critica per la visione di mercato della scuola.

“Se la scuola viene ridotta a un problema di costo, o al pensiero di arrivare solo allo stipendio, siamo messi male: tradisce sé stessa. – spiega il presidente della Cei – “Il rischio è di adottare un criterio aziendalistico anche a scuola, e di metterla sul piano della produttività e dell’efficienza”.

Per il cardinale la risposta delle istituzioni “sta nel pensare al rialzo, a una grande alleanza educativa, coinvolgendo tutti, dalle famiglie alle istituzioni locali.

LA RISPOSTA DI VALDITARA

Il ministro Valditara è intervenuto affermando di condividere la posizione dell’alleanza educativa da considerare come bene primario.

“Condivido l’appello del cardinale Zuppi per una grande alleanza educativa. – ha sottolineato il ministro – Con la riforma del tutor, della scuola al pomeriggio, dell’orientamento, e con una declinazione del merito come valorizzazione dei talenti di ognuno, stiamo andando nella medesima direzione”.

Articoli recenti

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

Scuola, arriva il docente di italiano per gli alunni stranieri

L'insegnante affiancherà le classi in cui il 20% degli studenti ha importanti carenze nella nostra lingua  Un docente di supporto, "adeguatamente formato", nelle classi dove gli studenti di origini straniere con importanti carenze nella lingua siano uguali o superiori...

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...