I SINDACATI DELLA SCUOLA CONTRO IL PROGETTO DI AUTONOMIA DIFFERENZIATA

I sindacati invitano le associazioni professionali della scuola a mobilitarsi contro il progetto di autonomia differenziata. A tale fine è stata promossa la campagna “La scuola si riprende la parola”, che prevede la costituzione di tavoli interassociativi nelle scuole.

Nell’ambito di tale progetto si sono svolti dei primi confronti con l’Associazione italiana maestri cattolici (Aimc), Centro di iniziativa democratica insegnanti (Cidi), Movimento di cooperazione educativa (Mce), Proteo Fare Sapere. Quale primo passo le associazioni hanno già sottoscritto un manifesto, che è stato diffuso in questi giorni.

IL MANIFESTO DELLE ASSOCIAZIONI

“I rischi che il progetto governativo di autonomia differenziata possa affermarsi – si legge nel manifesto sottoscritto dalle quattro associazioni – nella indifferenza del Paese e degli stessi lavoratori della scuola vanno scongiurati. La scuola, infatti, vedrebbe minacciata quella funzione fondamentale che le è stata assegnata dalla Costituzione: concorrere alla costruzione e diffusione della cittadinanza, del civismo, della solidarietà, della formazione unitaria delle nuove generazioni per un Paese unito e indivisibile. Valori incedibili a qualsivoglia localismo. Il mondo della scuola deve respingere questo progetto e in questa fase deve in primo luogo contare sulle proprie forze. Deve riprendersi la parola”.

L’APPELLO DEI SINDACATI

Tra i sindacati la più critica è la Cgil. Gianna Fracassi (Flc Cgil) è netto: “La mobilitazione messa in campo con le quattro associazioni professionali più rilevanti del settore scuola è una importante iniziativa. Il nostro obiettivo è ricostruire un terreno, un tessuto comune di condivisione a partire dalle scuole. La proposta che ci viene fatta è molto interessante. Crediamo fortemente nella necessità di ricostruire un terreno professionale per il dibattito e la discussione all’interno delle singole istituzioni scolastiche. Siamo convinti che la comunità scolastica abbia la forza e la capacità di rinnovarsi. Crediamo che sia possibile farlo partendo da un processo di partecipazione più ampio e da una riflessione professionale profonda. Riteniamo che questo approccio potrebbe dare un grande contributo a una fase del nostro Paese in cui le grandi trasformazioni stanno inevitabilmente cambiando il nostro sistema scolastico”.

Alberto Barelli

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...