LA RIFORMA DELLA RICOSTRUZIONE DELLA CARRIERA NON CONVINCE I SINDACATI

Il governo va avanti con il progetto di modifica del calcolo della carriera di docenti e personale Ata ma la riforma non convince i sindacati.

Ricostruzione di carriera docenti, per la UIL Scuola è una riforma peggiorativa per fare cassa con i lavoratori della scuola

NUOVO SISTEMA DI CALCOLO

Cosa cambia? Il servizio preruolo non sarà più quantificato per intero i primi quattro anni e per due terzi per tutti gli anni successi al quarto. Soprattutto è introdotta una modifica integrale del valore legale dell’anno scolastico. Si prevede che l’anno scolastico non venga più calcolato con i 180 giorni o dal servizio prestato continuativamente dal primo febbraio fino agli scrutini. L’anno scolastico scatterà dopo 365 giorni di servizio.

Il meccanismo di ricostruzione di carriera varrà sia per il personale docente che per il personale Ata, così come per il medesimo personale del settore Afam.

I DUBBI PER UN SISTEMA PENALIZZANTE

Per i sindacati il nuovo sistema di calcolo basato sui giorni effettivi di servizio anche per il personale docente genererebbe un danno sulle retribuzioni future di non poco conto. Questo mentre si verificherebbe un vantaggio diametralmente opposto per il Governo.

Viene quindi presentato l’esempio di un docente con 10 anni di anzianità pre-ruolo con servizio di 180 giorni per anno. Fino a oggi, essendo previsto il calcolo di un minimo di 180 giorni per il riconoscimento dell’intero anno, per la ricostruzione di carriera al docente verrebbe riconosciuti un totale di 8 anni di anzianità pre-ruolo.

Con il nuovo sistema, invece, il docente, dividendo il servizio effettivo per 365 giorni, si vedrebbe riconosciuti soltanto 5 anni di anzianità pre-ruolo.

È quindi evidente che il danno economico che il personale docente subirebbe rallentando in maniera irreversibile la propria progressione economica e vedrebbe allontanarsi sempre più il primo aumento stipendiale, oggi previsto solo dopo ben 8 anni di anzianità di servizio.

LA POSIZIONE DELLA UIL

Per Giuseppe D’Aprile, segretario della Uil Scuola Rua “si tratta di una riforma in “peius” che penalizzerà le nuove generazioni e tutti i docenti neo immessi in ruolo”. Il Governo, viene spiegato, lo fa attraverso una motivazione di per sé nobile e giusta, cioè per mettere fine ad un contenzioso decennale proprio sui criteri di ricostruzione di carriera. Ma per il dirigente sindacale la conclusione è una: “ancora una volta si fa cassa con i lavoratori della scuola”.

Alberto Barelli

Articoli recenti

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

CONCORSO DSGA 2024: IL BANDO

Concorso DSGA 2024, finalmente delle novità in merito alla pubblicazione del bando.  Secondo le informazioni disponibili sul sito della CGIL Scuola, il bando per il Concorso DSGA 2024 dovrebbe essere emanato a metà settembre o comunque entro il prossimo...

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

CARTA DOCENTE ANCHE AGLI INSEGNANTI PRECARI

Anche gli insegnanti con contratto a termine hanno diritto alla Carta Docente. A confermarlo sono le decine di sentenze emesse in tutta Italia a favore dei precari che hanno fatto ricorso per ottenere il bonus di 500 euro. La normativa prevedeva l’assegnazione della...

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

GRADUATORIE PROVVISORIE 60 CFU

Si comunica ai candidati che le graduatorie pubblicate sono PROVVISORIE.Le graduatorie provvisorie sono divise per Regione, per classe di concorso e per tipologia di percorso scelto dal candidato che è individuabile dalla pre matricola. Sulla pagina personale di esse...

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

LAUREATI IN AUMENTO GRAZIE ALLE UNIVERSITA’ TELEMATICHE

Nel 2023 l’Italia registra un aumento dei laureati. Ma se il dato è positivo è grazie ai titoli conseguiti presso le università telematiche. Resta invece elevato il divario rispetto alla media europea. I dati relativi al livello di istruzione della popolazione sono...