È TEMPO DI PENSARE A INVIARE LA MESSA A DISPOSIZIONE 2023/24. 

Agosto si avvicina ed è tempo di pensare all’invio della Messa a disposizione alle scuole.

L’invio delle domande di messa a disposizione può avvenire sempre nel corso dell’anno ma per proporsi nel modo più efficace per ottenere un incarico di supplenza ci sono delle tempistiche da prendere in considerazione.

QUANDO INVIARE LA MAD

Il migliore periodo per inviare la Mad va dalla seconda metà di Agosto in poi. Dopo il 16 infatti gli uffici scolastici riprendono le attività a pieno regime e saranno impegnati a verificare i posti vacanti e disponibili.

Gli altri periodi utili sono Settembre, Gennaio, Marzo e Giugno.

La Mad rappresenta l’opportunità più efficace per insegnare per coloro che non sono iscritti alle graduatorie. Possono comunque ricorrervi anche coloro che essendo iscritti in graduatoria (ad esempio in GPS II fascia), vogliono comunque candidarsi anche in altre province oltre a quella di iscrizione.

Le graduatorie specifiche a disposizione delle scuole per più motivi possono non garantire la copertura delle cattedre. LA risorsa sulla quale contare è appunto la domanda di Messa a Disposizione inviata all’Istituto dal singolo aspirante insegnante.

CHI PU’ INVIARE LA MAD

La domanda di Messa a Disposizione è da considerarsi un’istanza informale per contattare i dirigenti scolastici al fine di candidarsi a coprire eventuali incarichi di supplenza. Possono usufruire tutti gli aspiranti docenti in possesso delle classi di concorso, necessarie per candidarsi.

Per inviare la tua domanda di Messa a Disposizione non è richiesto di essere abilitato all’insegnamento, né di essere iscritto in una fascia. Avendo i requisiti minimi per l’insegnamento, ossia l’accesso a delle  classi di concorso, chiunque può inviare la domanda di Messa a Disposizione.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...