Percorsi abilitanti docenti, TFA sostegno e abilitazione da 30 CFU nello stesso anno accademico?

I percorsi abilitanti per docenti partiranno all’inizio del 2024. Come sappiamo sono diverse le tipologie di corsi che andranno a soddisfare le varie tipologie di candidati. Quale percorso per chi sta frequentando attualmente il TFA sostegno?

Proprio durante il Question Time in diretta su OS TV del 6 dicembre, si è affrontato questo tema.

Per chi sta attualmente frequentando il TFA, avrebbe la possibilità di accedere comunque in sovrannumero al percorso abbreviato dei 30 cfu?“, ha chiesto un utente.

A rispondere Manuela Pascarella, della segreteria nazionale della Flc Cgil.

“Chi può accedere ai corsi da 30 CFU con modalità online abilitanti sono i soggetti già in possesso di un’altra abilitazione o specializzazione sostegno”, premette subito la sindacalista.

Pertanto, “chi sta frequentando attualmente al TFA non può beneficiare di questi corsi“, che sono riservati proprio a coloro che soddisfano il requisito di accesso già in possesso di una ulteriore abilitazione o specializzazione sul sostegno.

I docenti potrebbero però essere in possesso di abilitazione disciplinare per altra classe di concorso o grado di scuola, che permetterebbe l’accesso al percorso da 30 CFU, presumibilmente online, per acquisire un’altra abilitazione.

Al momento la risposta risulta negativa per l’impossibilità di seguire due corsi con frequenza obbligatoria, non sappiamo se in seguito arriveranno risposte diverse.

I percorsi universitari per conseguire l’abilitazione per le classi di concorso della scuola secondaria

I 100mila posti vanno intesi in due anni accademici. Alcuni percorsi infatti partiranno nell’anno accademico 2023/24, altri nel 2024/25 dopo l’espletamento del primo concorso della fase straordinaria PNRR.

Percorsi da attivare nell’anno accademico 2023/24

I percorsi da attivare saranno

  • Percorso 60 CFU/CFA
  • Percorso 30 CFU/CFA per permettere la partecipazione al secondo concorso
  • Percorso 30 CFU/CFA per docenti per docenti che hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o paritarie per almeno tre anni, anche non continuativi, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso per la quale scelgono di conseguire l’abilitazione, nei cinque anni precedenti e docenti vincitori del concorso straordinario bis.

N.B. I percorsi da 30 CFU per docenti in possesso di abilitazione per altro grado o classe di concorso o specializzazione sostegno sono svincolati dal fabbisogno, per questo motivo non sono citati nella nota, neanche in riferimento alla data ultima di conclusione.

Percorsi da attivare nell’anno accademico 2024/25

  • Percorso da 60 CFU/CFA
  • Percorso da 30 CFU per i vincitori del concorso che hanno avuto accesso al concorso con tre anni di servizio
  • Percorso da 30 CFU per docenti che hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o paritarie per almeno tre anni, anche non continuativi, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso per la quale scelgono di conseguire l’abilitazione, nei cinque anni precedenti e docenti del concorso straordinario bis
  • Percorso da 30 CFU per i vincitori del concorso che hanno avuto accesso con i 30 CFU e devono completare i restanti 30 CFU
  • Percorso da 36 CFU per coloro che accedono al concorso con laurea + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022

Ecco le classi di concorso richieste dalle Università

Percorsi abilitanti docenti 60 e 30 CFU, le Università che attivano i corsi e per quali classi di concorso [ELENCO AGGIORNATO]

Per il numero di posti disponibili per Ateneo e classe di concorso, nonché le modalità per l’accesso in caso di numero di domande superiore ai posti, bisognerà attendere il decreto del Ministero.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...