IL 9 GENNAIO SI CHIUDONO LE ISCRIZIONI AL CONCORSO SCUOLA

Ultimi giorni per l’iscrizione al Concorso scuola 2023. La scadenza per la presentazione delle domande è infatti il 9 gennaio.

E’ prevista l’assunzione di oltre 30mila docenti. Di questi 20.575 posti comuni e di sostegno per la scuola secondaria di primo e secondo grado, mentre i posti per l’infanzia e la primaria ammontano a 9.641

MODALITA’ DI ISCRIZIONE

I candidati possono presentano la domanda unicamente attraverso il portale unico del reclutamento, raggiungibile all’indirizzo www.inpa.gov.it. Per accedere alla compilazione dell’istanza occorre essere in possesso delle credenziali del Sistema Pubblico di identità digitale (SPID) o di quelle della Carta di Identità Elettronica (CIE). Inoltre, occorre essere abilitati al servizio “Istanze on line”.

Il contributo di segreteria è di dieci euro per ogni classe di concorso/tipologia di posto per la quale si presenta l’istanza. Il pagamento deve essere effettuato sulla base del bollettino emesso dal sistema “Pago In Rete”. Una volta compilata la domanda, e prima del suo invio, il candidato potrà produrre il bollettino tramite il link che sarà reso disponibile all’interno dell’istanza di presentazione domanda. La causale e l’importo del bollettino saranno precompilati sulla base delle tipologie di posto dichiarate nell’istanza, e sarà onere del candidato verificarne la correttezza prima di procedere al pagamento. Le istanze presentate con modalità diverse non sono prese in considerazione. Ciascun candidato può concorrere in un’unica regione e per una sola classe di concorso, distintamente per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, nonché per le distinte e relative procedure sul sostegno.


Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...