Graduatorie GPS seconda fascia: quale titolo di accesso per chi non ha conseguito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022

Innanzitutto andrà approvato in forma definitiva il Decreto Milleproroghe 2024, che autorizza il Ministero a procedere con una nuova Ordinanza per l’aggiornamento del biennio 2024/26.

Ci sarà l’informativa ai sindacati e la gestione della piattaforma per la presentazione della domanda. Poche le novità attese, ma quest’anno c’è il grande quesito sui requisiti di accesso alla seconda fascia, quella riservata agli aspiranti non ancora in possesso dell’abilitazione.

Le GPS si sono aggiornate per il biennio 2022/24, per cui l’a.s. 2023/24 sarà l’ultimo di vigenze delle stesse.

Di seguito i requisiti richiesti per accedere alla prima e alla seconda fascia delle suddette graduatorie di scuola secondaria di primo e secondo grado, ai sensi di quanto disposto dall’OM n. 112/2022.

1. Prima fascia 

Si sono inseriti nella prima fascia della GPS gli aspiranti in possesso di:

  • abilitazione specifica per la classe di concorso di inserimento in graduatoria, per posto comune (anche per gli ITP);
  • specializzazione per il grado di inserimento in graduatorie, per posto di sostegno.

2. Seconda fascia 

Inseriti nella seconda fascia posto comune gli aspiranti in possesso del titolo di studio d’accesso alla specifica classe di concorso (titolo comprensivo dei CFU/CFA o esami aggiuntivi ed eventuali titoli aggiuntivi richiesti) più uno dei seguenti titoli:

  • 24 CFU/CFA (di cui almeno 6 crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche; oppure
  • abilitazione specifica su altra classe di concorso o per altro gradooppure
  • precedente inserimento nella seconda fascia delle GPS per la specifica classe di concorso.

Seconda fascia posto di sostegno gli aspiranti:

  • in possesso dell’abilitazione oppure del titolo di studio d’accesso alla seconda fascia delle GPS del relativo grado + tre annualità di insegnamento su posto di sostegno nel relativo grado, svolto entro l’anno scolastico 2021/2022.

Seconda fascia ITP gli aspiranti in possesso del titolo di studio d’accesso alla specifica classe di concorso (ossia il diploma) più uno dei seguenti titoli:

  • 24 CFU/CFA (di cui almeno 6 crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche; ovvero 
  • abilitazione specifica su altra classe di concorso o per altro gradoovvero
  • precedente inserimento nella seconda fascia delle GPS per la specifica classe di concorso.

Questi, dunque, i requisiti richiesti per l’aggiornamento 2022/24. E per il prossimo quali saranno i requisiti per accedere alla suddetta seconda fascia? I 24 CFU saranno ancora requisito d’accesso?

Requisiti prossimo aggiornamento

Il dubbio sopra esposto nasce dal fatto che i 24 CFU/CFA potrebbero non essere più richiesti, in quanto gli stessi, dopo la fase transitoria (nell’ambito del nuovo sistema di reclutamento) prevista sino al 31 dicembre 2024non serviranno più per l’accesso ai concorsi (evidenziamo che, al fine predetto, sono ritenuti validi i 24 CFU conseguiti entro il 31/10/2022), in seguito alla modifica del D.lgs. 59/2017, che prevedeva tra i requisiti di accesso al concorso appunto il possesso di titolo di studio più 24 CFU/CFA, requisiti superati dalle disposizioni introdotte dal DL 36/2022 (convertito in legge 79/2022) e successive modificazioni.

Articoli recenti

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

450 MILIONI PER LA SCUOLA DAL DECRETO COESIONE

Pioggia di milioni per le suole del Sud. È stato approvato nei giorni scorsi dal Parlamento il Decreto coesione, che vede confermati tutti i fondi previsti. Gli interventi riguarderanno il potenziamento delle infrastrutture, il rilancio  dell’istruzione tecnica e...