DIDATTICA A DISTANZA, QUELLO CHE (FORSE) NON SAPEVI  

 

 

Protagonista della scuola in piena emergenza Covid-19, la didattica a distanza non è nata ieri. Esisteva già nei tempi pioneristici della tv, anche se allora non si chiamava DAD. Noi della Scuola proviamo a raccontarvi la sua storia

 

È stato uno degli argomenti più discussi degli ultimi mesi, ha occupato i pensieri di studenti di tutte le età, dalle elementari all’Università, passando per chi quest’anno doveva affrontare la tanto temuta “notte prima degli esami” fino ai genitori, costretti, soprattutto con i figli più piccoli, a tornare a destreggiarsi tra aritmetica e grammatica: è la didattica a distanza, il nuovo tipo di scuola che l’emergenza Covid-19 ha imposto ai ragazzi italiani. Abituati sui banchi di scuola, migliaia di studenti dal nord al sud della Penisola si sono ritrovati a vedere compagni e insegnanti da uno schermo, a collegarsi direttamente dalla propria cameretta senza prendere nessun autobus e a inviare i compiti per e-mail, senza quel confronto giornaliero e quel mal di stomaco condiviso con il vicino di banco prima di un test che tutti – chi più chi meno – abbiamo vissuto almeno una volta nella vita.  

Ma di cosa parliamo davvero quando si dice “didattica a distanza”? Esiste una definizione univoca o ancora siamo in un limbo, di fronte a un termine che si è imposto con forza nelle vite dei nostri insegnanti e studenti senza esserne davvero pronti?  

In realtà, la didattica a distanza esiste da più di un secolo, ma siamo abituati a conoscerla con nomi diversi. Come “corsi per corrispondenza”, ad esempio, un servizio diffuso a metà Ottocento, pensato soprattutto per adulti delle classi medie, che non avevano avuto modo di approfondire i propri studi, e che ricevevano periodicamente per posta materiali per prepararsi e test da compilare. A metà del secolo scorso, invece, è stata la televisione a prendere il posto delle lettere: in molti ricordano il famoso programma “Non è mai troppo tardi” mandato in onda dalla Rai in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione che insegnava a leggere e a scrivere a tanti nostri connazionali adulti analfabeti. L’avvento del computer, infine, ha portato un’ulteriore rivoluzione nel mondo della didattica a distanza, che è diventata, così, in grado di raggiungere chiunque sia dotato di una connessione internet. Anche lavoratori e persone con famiglia, dunque, grazie a una grande flessibilità di orari e di organizzazione dello studio, hanno potuto avere la possibilità di non rinunciare alla conoscenza.  

Ed è proprio questa la filosofia che ispira anche i corsi di Noi della scuola, un universo di possibilità per approfondire diversi temi, dalla filosofia alla matematica, dalla LIM alle lingue straniere, senza muoversi da casa propria, in piena autonomia, ma sempre supportati da un tutor di riferimento. Nel nostro sito potrete trovare l’intera offerta formativa che comprende corsi di laurea, master e corsi di perfezionamento: le lezioni si seguono online, così come lo studio, ma non manca quella parte umana e di confronto personale che, da sempre, è alla base della conoscenza.

Cecilia Filoni
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...