SCUOLA, ESTATE CALDA, AUTUNNO CALDO. 50MILA SUPPLENTI IN ATTESA CHE ARRIVINO I DOCENTI VINCITORI DEL CONCORSO. GRADUATORIE DI ISTITUTO: FINESTRA DI APPENA DUE SETTIMANE PER LE DOMANDE

Per la scuola italiana, l’estate sarà calda nonostante intemperanze del meteo. Oggi, venerdì 3 luglio, si chiude la piattaforma per il concorso straordinario. Questo primo step sarà anche un indicatore di conferma o di smentita sulla grande partecipazione annunciata alla stagione dei concorsi 2020 mentre le domande per il concorso ordinario sono ancora in corso e lo saranno fino al 31 luglio 2020. Il margine di recupero è molto risicato ma ancora c’è, per chi ancora non sia in regola con uno dei due prerequisiti che schiudono la possibilità di partecipare al mega reclutamento del 2020. C’è ancora tempo per acquisire i 24 Cfu con Noi della scuola. L’appello di fine luglio è ancora disponibile per conseguire il titolo e non perdere le molte possibilità di impiego che il rinnovamento della classe insegnante e il Covid (paradossalmente!) promettono per il prossimo autunno.

Anche se il condizionale è d’obbligo, essendo molteplici questioni da definire, l’orientamento del legislatore e anche dei sindacati sembra andare in una direzione inclusiva a partire dalla categoria dei cosiddetti i diplomati magistrali precedentemente al 2002 che potranno iscriversi alle Graduatorie ma con riserva o del servizio aspecifico, cioè prestato in una classe diversa o in un ordine diverso da quelli in cui ci si iscrive, che produrrà punteggio pieno o dimezzato a seconda della fascia, senza più il limite di 12. Per chi avrebbe ripiegato sulla MAD, la messa a disposizione, ora c’è la call veloce, una specie di pronto intervento per supplenze disponibili in una regione o provincia diversa da quella scelta.

Di certo c’è l’enorme numero di organico che servirà a rimettere in moto la scuola italiana in presenza, dopo il lock down. L’ultimo giorno di lezione in presenza è stato un lontanissimo giovedì 5 marzo 2020. Il nuovo anno scolastico inizierà lunedì 14 settembre anche se per assegnare le supplenze ci sarà tempo fino al 20. Le stime parlando di 50mila supplenti. Praticamente l’intera popolazione di un comune di media grandezza. E’ sempre meno verosimile prospettare che i concorsi possano essere celebrati durante il solleone e che docenti nuovi di zecca si siedano fin dal primo giorno di scuola si siedano alla cattedra vinta sul campo. Più probabile che saranno i supplenti ad insediarsi in attesa di coloro che vinceranno il concorso e ai quali, chiuso l’ultimo verbale della commissione, dovranno lasciare il posto. Da questo punto di vista le graduatorie sono un obiettivo a tutti gli effetti alle quali prepararsi con slancio perché a quanto sembra, se i rilievi del sindacato non saranno colti, rimarranno aperte appena 15 giorni, sia per chi partecipa al concorso che per chi non può o vuole farlo.

E anche se le tabelle per il computo dei nuovi punteggi sono ufficiose, è utile consultarle per avere un’indicazione di quali e quanti titoli si potranno presentare. Che ci siano state delle rivoluzioni nel peso dato ai vari percorsi di specializzazione è la nota più evidente. Se verranno confermate le griglie master di primo livello e corsi di perfezionamento saranno equiparati con uno 0,5 a tutto vantaggio dei secondi, che di solito producono anche un esborso economico più ridotto per lo studente.

Noidellascuola ha un ampia gamma di percorsi per specializzarsi su varie tematiche attinenti l’insegnamento. Da 8 fino a 120 CFU, rappresentano un’offerta formativa su tutto il variegato arcipelago delle possibili competenze dell’insegnante. Dall’ITP, al Counselling, dalla Buona Scuola, su tutte le novità normative, dal CLIL, alla LIM fino alla didattica per BES e al grande tema della progettazione e valutazione delle competenze. Rispetto ad altri titoli, importanti ma per così dire strumentali – come i 24 CFU o i master per il completamento della classe di concorso – i corsi di perfezionamento rappresentano un investimento sulla qualità dell’insegnamento e sulla domanda di formazione che sale dalla società di oggi.

http://www.noidellascuola.it/corsi-di-perfezionamento/

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...