Rientro a scuola: che sia il primo giorno di una “nuova” normalità

Occhi puntati sul primo giorno di scuola. Il rientro sui banchi è il tema al centro dell’informazione e il filo conduttore è il bollettino dei tanti, troppi casi di criticità. Carenze sul fronte delle misure anticontagio a parte, i riflettori sono puntati sulla contraddizioni che stanno caratterizzando una situazione per niente rosea. “L’anno scolastico parte all’insegna di un paradosso: scuole in grandissimo affanno per mancanza di docenti e centinaia di migliaia di docenti a casa disoccupati” titola www.tuttoscuola.it, cogliendo quella che non è la sola contraddizione destinata a pesare sull’intero anno scolastico. E in caso di una nuova emergenza sanitaria con conseguente chiusura delle scuole, ecco che saremo chiamati a fare i conti con la seconda incredibile chiamiamola discrasia: agli insegnanti ‘fragili’ non sarà consentito fare didattica a distanza, perché, incredibile ma vero, al momento considerato provvedimento discriminatorio.

Domani leggeremo come è andata questa tanto attesta e sofferta inaugurazione dell’anno scolastico.  Intanto possiamo farci un’idea dei numeri della questione, dei quali abbiamo abbondanti resoconti (basta non fossilizzarsi sulle inevitabili discordanze). Grazie al Sole 24 Ore scopriamo che sono 2,2 milioni i banchi monoposto che devono essere ancora consegnati, mentre sono la bellezza di 60mila le cattedre vacanti. Quindi, ecco il dato sul quale c’è solo da augurarsi che si corra al più presto ai ripari: 70mila alunni con disabilità (il 59% del totale) non potranno contare sul loro docente di sostegno. Ed ora un numero da paura: è stato quantificato in 9mila  tonnellate quello delle  mascherine non riciclabili da smaltire. Secondo Tuttoscuola “l’astronomica” cifra delle mascherine non riciclabili che saranno consegnate a studenti e docenti sarà di due miliardi e duecento milioni. Insomma come leggiamo sul Corriere della Sera la scuola è sull’orlo di una crisi di nervi ma ci viene anche ricordato, con le parole di Einstein, che “nella crisi nascono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”. La strada è indicata nel titolo di La Repubblica, dedicato alla “nuova scuola ibrida e digitale che resiste al virus”. “Da domani tutti saranno chiamati a confrontarsi con una nuova “normalità””, si legge ancora. Che questa sia la notizia a partire da domani.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...