Delibera del Governo per la didattica a distanza per gli studenti fragili

Finalmente è stato deliberato dal Governo il via libera per il ricorso alla didattica a distanza per gli alunni fragili. Il provvedimento è stato licenziato dal Ministro dell’istruzione Lucia Azzolina dopo le pressioni giunte dai dirigenti scolastici delle scuole di tutto il paese, alle prese con infiniti problemi e disagi.

Il provvedimento è stato reso possibile dal parere espresso dal Consiglio superiore della pubblica istruzione (CSPI), che ha contribuito a fare chiarezza sul temine fragilità, che altrimenti si prestava alle interpretazioni più diverse per l’ambiguità del significato. Come previsto dalla normativa è il medico di famiglia a certificare la condizione di fragilità dello studente, che deve essere comunicata alla scuola e alle strutture sanitarie. Una volta accertata la condizione di fragilità gli studenti hanno diritto a beneficiare della didattica a distanza integrata, la cui modalità dovrà essere messa a punto venendo incontro alle singole esigenze. Come viene sottolineato dalla stampa, la didattica a distanza è una possibilità già prevista, essendo gli istituti chiamati a redigere il Piano Scolastico per la Didattica Digitale Integrata” ma il provvedimento del Governo rappresenta un ulteriore passo in avanti.

L’iniziativa a favore del supporto agli studenti fragili attraverso l’organizzazione delle lezioni online arriva proprio nel momento in cui sul nostro paese si è abbattuta la condanna della Corte Europea per la carenza di assistenza verso i minori con difficoltà. Ci sembra di poter dire che la notizia non abbia trovato il giusto risalto e a maggior ragione ci sembra invece giusto sottolineare che la poco onorevole sentenza di condanna potrebbe almeno rappresentare uno stimolo per riflettere sulla necessità di affrontare la questione e gettare le basi per una svolta, a partire dal mondo della scuola. L’emergenza sanitaria ha aggravato ovviamente le problematiche legate all’ansia e a lo stato di insicurezza e a maggior ragione è dalla scuola che possono venire le risposte per contribuire ad aiutare i ragazzi a superare le proprie paure e a gettare le basi per uno sviluppo armonico.

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...