Carta del Docente: con il bonus anche hardware per la DaD, ma solo fino a dicembre

Anche per l’anno scolastico 2020/21 è possibile richiedere, ed utilizzare, la Carta del Docente. Il bonus, come negli anni passati, è di 500 euro che il docente potrà spendere per l’aggiornamento e la propria formazione. Per ottenere il bonus basta entrare su SPID, se il docente ne è sprovvisto può richiedere le credenziali direttamente sul sito del ministero: cartadeldocente.istruzione.it

Ciascun insegnante può consultare la composizione del proprio borsellino elettronico attraverso la specifica funzione di “storico portafoglio”. Ricordiamo che la Carta del Docente viene assegnata ai docenti di ruolo a tempo indeterminato delle scuole statali, sia a tempo pieno che parziale, compresi coloro che sono in periodo di formazione e prova, i docenti dichiarati inidonei per motivi di salute di cui all’art. 514 del Dlgs.16/04/94, n.297, e successive modificazioni, i docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti utilizzati, i docenti nelle scuole all’estero, delle scuole militari.

Il bonus è utilizzabile fino al 31 agosto 2022, altrimenti si perde l’utilizzo, e può essere utilizzato per l’acquisto di libri e testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e riviste utili all’aggiornamento professionale, hardware e software. Si potrà utilizzare il bonus anche per iscriversi a corsi di aggiornamento e di qualificazione svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca e per iscriversi a corsi di laurea inerenti al profilo professionale, come, ad esempio master universitari. Ma si può anche usare per andare a teatro, al cinema, per l’ingresso a musei o mostre ed eventi culturali. A seguito dell’emergenza Covid è stato ampliato il pacchetto degli hardware acquistabili: fino al 31 dicembre 2020, infatti, si può utilizzare il bonus per l’acquisto di dispositivi hardware finalizzati all’aggiornamento professionale, anche per organizzare una didattica a distanza, come webcam e microfoni, penne touch screen, scanner e hotspot portatili.

 

Mirna Ventanni

Articoli recenti

Intelligenza artificiale a scuola, l’80% degli studenti la utilizza

Intelligenza artificiale a scuola, l’80% degli studenti la utilizza

Ricerca Noplagio.it. Il 60% degli alunni usa l’IA per completare i compiti, il 18% per rispondere a test, il 13% per comporre saggi e temi. Per gli studenti degli istituti secondari superiori, l’intelligenza artificiale è ormai una abituale compagna di studio. Tanto...