Occhi puntati sul concorso

Passato lo scoglio della mobilitazione di protesta di studenti e insegnanti tenutasi nel fine settimana, è ora il concorso il terreno di scontro e, ci auguriamo, di confronto, sulla scuola. Se da un lato le forze di opposizione continuano a chiedere lo slittamento delle prove per l’emergenza sanitaria, il governo è ben intenzionato a garantirne lo svolgimento nei tempi previsti. Il primo passo, con l’annuncio della data di inizio del concorso stabilita il 22 ottobre, è stato compiuto. Ora si tratta di vedere se tutto potrà svolgersi regolarmente, in primo luogo superando l’ostacolo delle normative da seguire per garantire la sicurezza sanitaria di esaminatori e candidati. Tutti gli occhi, a partire da quelli dei sindacati, sono quindi puntati sulla preparazione della prova, per la quale si è fatto ricorso anche alle aule universitarie per avere a disposizione gli spazi necessari per il distanziamento. La speranza è che nelle prossime settimane non ci si trovi di fronte a un aggravamento dell’emergenza sanitaria. Ma a preoccupare sono gli aspetti organizzativi e burocratici, rispetto ai quali, visto i precedenti, i timori appaiono motivati. Lo svolgimento in tempi rapidi delle prove di concorso è visto anche quale risultato fondamentale per poter coprire le migliaia di cattedre rimaste scoperte. Questa ora è la vera emergenza, in considerazione anche del caos registrato nella formulazione delle graduatorie provinciali. L’obiettivo della preselezione è di poter contare sulla selezione di docenti da poter inserire in organico. Una volta ufficializzati i risultati si dovrà procedere con la formazione delle graduatorie regionali di merito, in base alle quali si procederà all’assegnazione delle trentaduemila cattedre. Speriamo solo che non si replichi quanto successo con la formazione delle graduatorie provinciali, delle quali a causa dei numerosi errori si è arrivati in alcuni casi all’annullamento.

Alberto Barelli

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...