Responsabile Covid: concorso gratuito su sito dell’istituto superiore di sanità

ISCRIZIONI APERTE FINO AL 9 DICEMBRE 2020

È riconosciuta dal Ministero la formazione gratuita che l’Istituto superiore di Sanità mette a disposizione del personale scolastico è un’opportunità da cogliere specialmente per i docenti che per la prima volta hanno assunto l’incarico di Responsabile COVID. Questa figura nata sulla scorta dell’Emergenza sanitaria ma che potrebbe evolversi, una volta sconfitta la pandemia, e rimanere come riferimento per la gestione di casistiche sociosanitarie. Per ora è di certo uno dei modi più pericolosi di vivere la vita del docente, pensando alla molteplicità e alla diversità degli episodi che potrebbero presentarsi al suo cospetto in questo anno ricco di incognite e avaro di risposte definitive.

Il corso per responsabile COVID si chiama in burocratichese “Indicazioni operative per la gestione di casi e focalai di SARS Cov 2 nelle scuole e nei servizi educativi per la prima infanzia”. Se non fosse che la scuola ne ha già molte, formare su questo corso tutta la classe docente sarebbe un’ottima priorità.

Il corso è disponibile sulla piattaforma EDUISS, dedicata alla formazione a distanza dell’IIS, l’Istituto superiore di sanità; ci si può iscrivere fino al 9 dicembre per un totale di 50mila partecipanti ed è riservata L’iscrizione al corso è riservata al personale della scuola incaricato come Referente COVID-19 per le scuole, per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia. Per i referenti della scuola identificati nei dipartimenti di prevenzione.  La durata è di 9 ore.

Gli argomenti del corso che dura 9 ore sono forniscono un supporto operativo ai decisori e agli operatori nel settore scolastico e nei Dipartimenti di Prevenzione che sono a pieno titolo coinvolti nel monitoraggio e nella risposta a casi sospetti/probabili e confermati di COVID-19 nonché nell’attuare strategie di prevenzione a livello comunitario. Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di utilizzare gli elementi operativi per la preparazione, il monitoraggio e la risposta a potenziali focolai e casi di COVID-19 collegati all’ambito scolastico e dei servizi educativi per l’infanzia adottando modalità razionali, condivise e coerenti sul territorio nazionale.

La Metodologia didattica e modalità di erogazione è ispirato ai principi dell’apprendimento per problemi, Problem-based Learning (PBL), in cui i singoli partecipanti si attivano attraverso la definizione di propri obiettivi di apprendimento e la soluzione di un problema, ispirato al proprio contesto professionale. L’Erogazione avviene tramite piattaforma https://www.eduiss.it. Per ogni informazione attinente al corso e per informazioni tecnico metodologiche: formazione.fad@iss.it.

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...