Tiro al concorso della scuola, il nuovo sport nazionale

Mirare al concorso è da sempre ambizione diffusa. Solo che oggi con il termine intendiamo proprio riferirci al prendere la mira per fare fuoco, a parole si intende. Fare fuoco contro il concorso pare sia ora lo sport preferito dagli italiani e a dimostrarlo è il tam tam delle dichiarazioni delle quali è bersaglio la povera ministra Lucia Azzolina che, per restare ai termini bellici, pare proprio un bollettino di guerra. E come per tutte le battaglie nelle quali regna anche una certa dose di caos, è difficile districarsi, soprattutto nel caso in cui, come il nostro, c’è da fare i conti anche con il fuoco amico. Chi si aspettava che a sparare le bordate più pesanti contro l’annuncio della data di avvio della selezione fosse infatti un partito di governo, PD? Fatto sta che quelle partite ieri sono belle e buone (non tanto) cannonate. E qui la faccenda si complica. Fino a ieri fare il resoconto era facile: da una parte il governo a fare annunci e dall’altra l’opposizione, Lega e Fratelli d’Italia in testa, a sparare bordate, nello specifico appunto contro lo svolgimento del concorso per i pericoli sanitari annessi e connessi. Ma a conquistare i titoli dei giornali è invece in questi giorni il fuoco amico. Anche per i compagni di governo sarebbe dunque pericoloso fare le svolgere le prove in piena emergenza sanitaria. La proposta è rinviare il tutto a fine anno ma a tale riguardo non venisse in mente di pensare alla parola “tregua”. La sortita del Pd è destinata a essere come l’aggiunta di un’ulteriore bella dose di polvere da sparo, che non mancherà di rendere ancora più incandescente il quadro. Da qui alla fine dell’anno ne vedremo delle belle e possiamo mettere in conto bordate sempre più pesanti. Sparare ancora più forte e a ritmo serrato è l’unica possibilità per le opposizioni di non essere superate in corsa dai colpi dei nemici (a questo punto per la verità non si sa più nemici o più nemici di chi). Povera scuola italiana: neanche la guerra di cui è suo malgrado teatro è un conflitto normale. L’unico punto fermo sembra essere che studenti, genitori e professori dovranno continuare ad armarsi di pazienza e, tra emergenza sanitaria, mancanza di banchi e ora tra guerra diciamo classica e fratricida, andare verso i banchi di scuola come al fronte.

Si tratta di attendere il momento giusto (ma pare che ogni momento sia quello buono) e si spara la bordata.

Alberto Barelli

Articoli recenti

GPS 2024

GPS 2024

In questo particolare momento, molti insegnanti si trovano a riflettere su come migliorare il proprio punteggio per aumentare le probabilità di ottenere la posizione desiderata in graduatoria. In un contesto sempre più competitivo, è fondamentale...

Seconda Abilitazione per docenti di ruolo: come fare

Seconda Abilitazione per docenti di ruolo: come fare

 30 CFU seconda abilitazione :destinati ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro grado di istruzione, nonché ai docenti in possesso della specializzazione sul sostegno. Cosa sono i 30 CFU e perché sono importanti per la seconda...

APERTURA GRADUATORIA: PER GLI ATA 6 PUNTI PER IL SERVIZIO MILITARE

APERTURA GRADUATORIA: PER GLI ATA 6 PUNTI PER IL SERVIZIO MILITARE

Sei punti tondi tondi in più in graduatoria per gli Ata. E’ la bella sorpresa per chi ha svolto il servizio militare. La novità è stata comunicata dal Ministero dell’Istruzione e del Merito in occasione dell’illustrazione delle disposizioni messe a punto in merito al...