Tiro al concorso della scuola, il nuovo sport nazionale

Mirare al concorso è da sempre ambizione diffusa. Solo che oggi con il termine intendiamo proprio riferirci al prendere la mira per fare fuoco, a parole si intende. Fare fuoco contro il concorso pare sia ora lo sport preferito dagli italiani e a dimostrarlo è il tam tam delle dichiarazioni delle quali è bersaglio la povera ministra Lucia Azzolina che, per restare ai termini bellici, pare proprio un bollettino di guerra. E come per tutte le battaglie nelle quali regna anche una certa dose di caos, è difficile districarsi, soprattutto nel caso in cui, come il nostro, c’è da fare i conti anche con il fuoco amico. Chi si aspettava che a sparare le bordate più pesanti contro l’annuncio della data di avvio della selezione fosse infatti un partito di governo, PD? Fatto sta che quelle partite ieri sono belle e buone (non tanto) cannonate. E qui la faccenda si complica. Fino a ieri fare il resoconto era facile: da una parte il governo a fare annunci e dall’altra l’opposizione, Lega e Fratelli d’Italia in testa, a sparare bordate, nello specifico appunto contro lo svolgimento del concorso per i pericoli sanitari annessi e connessi. Ma a conquistare i titoli dei giornali è invece in questi giorni il fuoco amico. Anche per i compagni di governo sarebbe dunque pericoloso fare le svolgere le prove in piena emergenza sanitaria. La proposta è rinviare il tutto a fine anno ma a tale riguardo non venisse in mente di pensare alla parola “tregua”. La sortita del Pd è destinata a essere come l’aggiunta di un’ulteriore bella dose di polvere da sparo, che non mancherà di rendere ancora più incandescente il quadro. Da qui alla fine dell’anno ne vedremo delle belle e possiamo mettere in conto bordate sempre più pesanti. Sparare ancora più forte e a ritmo serrato è l’unica possibilità per le opposizioni di non essere superate in corsa dai colpi dei nemici (a questo punto per la verità non si sa più nemici o più nemici di chi). Povera scuola italiana: neanche la guerra di cui è suo malgrado teatro è un conflitto normale. L’unico punto fermo sembra essere che studenti, genitori e professori dovranno continuare ad armarsi di pazienza e, tra emergenza sanitaria, mancanza di banchi e ora tra guerra diciamo classica e fratricida, andare verso i banchi di scuola come al fronte.

Si tratta di attendere il momento giusto (ma pare che ogni momento sia quello buono) e si spara la bordata.

Alberto Barelli

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...