Azzolina contro tutti

Tutti per uno, uno sta per l’obiettivo del rinvio del concorso, uno, anzi, una contro tutti. E qui non si deve essere scienziati, per capire che il ruolo di una contro tutti cali a pennello per la povera ministra dell’istruzione Lucia Azzolina. Al centro degli strali dell’opposizione, e fin qui tutto rientra nella normalità, bersaglio delle critiche di sindacati, docenti e naturalmente degli studenti, e anche tutto questo ci sta, contro di lei è sceso in campo anche il maggiore partner di governo, il Pd. E non ha fatto in tempo a calare il clamore per la richiesta di rinvio del concorso programmato per il 22 ottobre dei compagni di governo, che ecco scendere in campo con una raccolta di firme i precari della scuola, con la quale si chiede di recedere dalla decisione di tenere il concorso nei tempi previsti. Tiene duro la ministra, ribadendo in ogni occasione che il concorso si farà e tutto pare che questa volta sia quella buona, dal momento che si è arrivati alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Al di là di come la si pensi va riconosciuta al ministro una buona dose di capacità di resistenza all’assedio, almeno in quanto a proclami. Si tratta ora di vedere se sarà in grado di vincere, non solo vedendo partire questo benedetto concorso ma ottenendo che tutte le prove, sulle quali incombe in primo luogo l’emergenza sanitaria, si svolgano regolarmente. Gli ostacoli sono tanti, dal problema dell’alto numero di aule necessarie per garantire il distanziamento, all’esercito di esaminatori necessario, costituito da un numero abnorme, alla questione delle cattedre ricoperte dai docenti candidati al concorso che resteranno vuote. Tante frecce all’arco degli assedianti. Solo con il tempo vedremo come andrà a finire. L’augurio è che, vada come vada la disfida, nella quale la ministra pare la novella Giovanna d’Arco, la vera sconfitta non risulti la già abbastanza provata scuola italiana.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...