Contagio Covid in netta salita, ma i docenti non hanno indennità di rischio

Fonte: Tecnica della Scuola – 2 ottobre 2020

Per le categorie di lavoratori che si ritrovano a essere esposti a rischi per la loro salute a causa della loro attività è riconosciuta l’indennità di rischio. Invece per i docenti, pur trovandosi a contatto con tantissimi studenti ed essendo quindi sottoposti al contagio da Covid, non è prevista alcuna indennità di rischio.

Nel caso degli Operatori Sanitari, per esempio, è prevista una maggiorazione di stipendio. In tante regioni, come la Toscana, i lavoratori della sanità godono di un bonus giornaliero che può variare dai 20 ai 45 euro, riconosciuto quale indennità di rischio di contagio. In concreto il lavoratore si ritrova dall’inizio dell’emergenza sanitaria con una integrazione di stipendio, che può andare dalle 600 ai 1300 euro al mese. Per i docenti l’indennità di rischio non è riconosciuta, anche se il pericolo di contrarre il Coronavirus è molto elevato. Pur di fronte all’aumento dei casi di positività nella scuola la Ministra Azzolina non ha provveduto a un tavolo di confronto con i sindacati per valutare la possibilità di introdurre per i docenti l’indennità di rischio giornaliera, come è previsto appunto nel settore sanitario.

Lucio Ficara

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...