Concorso straordinario per il ruolo: quale permesso richiedere per partecipare. Cosa presentare a scuola dopo la prova

Fonte: Orizzonte Scuola – 7 ottobre 2020
Poter usufruire dei permessi per prendere parte a selezioni ed esami è un diritto regolato dal CCLN del 2007, confermato dal nuovo Contratto 2016/18. Rispetto a i docenti con contratto a tempo indeterminato
L’art 15 comma 1, del CCLN per esempio così recita: “Il dipendente della scuola con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto, sulla base di idonea documentazione anche autocertificata, a permessi retribuiti per i seguenti casi:
partecipazione a concorsi od esami: gg. 8 complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio”.
Si potrà usufruire di tali giorni unicamente per le giornate di convocazione delle prove, mentre per la preparazione si possono sfruttare il permesso studio o l’aspettativa per motivi di studio.
Può usufruire di tali permessi anche il personale impiegato a tempo parziale, In questo caso i giorni di permesso vanno calcolati in base alle ore settimanali di lavoro.
Per ottenere i permessi per i concorsi o per esami si deve presentare domanda al dirigente scolastico.
Linda Tramontano

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...