Scuola, la protesta contro il concorso ad ogni costo che mette a rischio i precari

Fonte: Il Manifesto – 7 ottobre 2020

Nonostante l’emergenza covid cresca, il governo insiste con l’avvio del concorso per chi insegna già da più di tre anni in programma dal 22 ottobre al 9 novembre. Contro tale ipotesi i precari e le forze sindacali scendono in piazza il 14 ottobre, sotto lo slogan “Sospendetelo e stabilizzate chi ha diritto”.

E mentre nel Dl di agosto è soppressa la licenziabilità dei “precari Covid” in quarantena, si apre il caso dei dirigenti precari nei servizi amministrativi, sul quale la Flc Cgil presenterà ricorso alla Corte europea.

L’impennata dei contagi e la conferma dello stato di emergenza non sono stati sufficienti a far retrocedere il governo dall’idea di confermare il concorso straordinario per 32 mila posti da assegnare ai docenti precari in cattedra da più di tre anni.

Per le prove si presenteranno 65 mila candidati in tutta Italia, tanti dei quali si troveranno a lasciare sguarnite le cattedre. La situazione peggiore è quella dei precari in quarantena, per i i quali la partecipazione alla selezione è preclusa. Per tutti è alto il rischio di contagio.

A nulla è servita l’esortazione a rinviare la prova dei sindacati, che hanno avanzato la proposta inviando una lettera lo scorso 30 settembre. La richiesta resta quella di stabilizzare i docenti precari in cattedra da più di tre anni.

La protesta dei precari sta salendo e anche ieri si sono tenute iniziative davanti alle prefetture.

L’aspetto che viene evidenziato è che con il concorso non verranno coperte le cattedre se non a partire dal prossimo anno. Duro il comitato dei genitori e degli insegnanti “Priorità alla scuola”: «Questa situazione è il risultato delle storture accumulate negli anni. Si sospenda la prova, si indica un concorso per titoli e servizi per chi ha almeno tre anni di servizio e si riformi il sistema della formazione e della specializzazione».

Intanto il governo ha creato il caos anche con il decreto di agosto ora passato alla Camera. È stata cancellata la norma che consentiva il licenziamento dei 70 mila «precari Covid» ma si è aperto il fronte dei direttori dei servizi amministrativi scolastici. Per la Flc Cgil sono state violate le intese sottoscritte con i sindacati azzerando la propria credibilità.

Roberto Ciccarelli

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...