Scuola, assunzioni ferme e 65 mila cattedre vuote: scatta la corsa ai supplenti

Fonte: La Stampa – 8 ottobre 2020

È rimasta disattesa la promessa delle 85 mila nuove assunzioni nella scuola del ministro all’istruzione Lucia Azzolina. Come i sindacati avevano previsto quella di agosto si è rivelata una promessa priva di fondamento e la gestione della situazione si è dimostrata un flop.

I numeri parlano chiaro: a un mese dal ritorno sui banchi su un totale di 84.808 nuovi posti di insegnante ne sono stati assegnati appena 19.294, cioè appena un quarto. Le cattedre devono quindi essere coperte dai supplenti, che, attestati sulle 250.000 unità, rappresentano un terzo del totale degli insegnanti.

Il dito viene puntato sulle graduatorie esaurite e al caos registrato nella gestione delle graduatorie provinciali. In quest’ultimo caso le richieste di rettifica dei dati sono state ben 750 mila. Il vero problema è rappresentato dalla «regola del 5», appena introdotta dal governo, in base alla quale i neoassunti devono rimanere a insegnare per cinque anni nella scuola dell’immissione in ruolo. A causa di ciò, spiega Marcello Pacifico, presidente dell’Associazione nazionale insegnati e formatori (Anief), tanti docenti hanno scelto di restare precari.

È proprio il tema dei precari al centro della mobilitazione indetta il 14 ottobre dai sindacati. I dati diffusi dall’Osservatorio «Futura» della Cgil parlano chiaro: stando alle risposte di un campione di insegnati le criticità riguardano il mantenimento della distanza in classe, il sovraffollamento nei mezzi di trasporto pubblici e l’igienizzazione degli ambienti scolastici. Il problema è quindi il concorso. Per Gianna Fracassi, segretaria confederale della Cgil «c’è un problema legato al concorso bandito dal ministero in piena fase due del Covid, che avrebbe richiesto una maggiore speditezza; ma soprattutto occorre affrontare il problema strutturale degli organici. La soluzione? Bisogna fare un po’ di programmazione ed occorre stabilizzare tutti i precari. E in questo modo si potrebbe anche garantire una maggiore qualità della scuola».

Paolo Baroni

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...