Effetto scuola sui contagi. Triplicati gli studenti positivi

Fonte: La Repubblica – 9 ottobre 2020

Ora l’allarme è tra i giovani: in Italia a luglio erano il 5,6% del totale dei nuovi infettati, ieri sono arrivati al 15% Braccio di ferro tra Cts e ministero sui tamponi salivari. Vaia dello Spallanzani: “Utili per lo screening negli istituti”.

All’apertura delle scuole la media giornaliera dei casi di covid era di 1.400 unità. Dopo tre settimane, il numero dei contagi è salito a 4.458. Dati che devono essere ancora analizzati ma anche gli esperti del Cts ritengono che l’aumento dei contagi sia una conseguenza del ritorno sui banchi di scuola. A motivare tale valutazione è il fatto che la maggior parte dei positivi sia asintomatico e il virus raramente crea seri danni ai giovanissimi che ora costituiscono la categoria più colpita. Come spiega Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive, il contagio si muove all’interno delle famiglie e un mabino positivo ne provoca altri quattro o cinque tra i parenti più stretti.

Secondo i dati raccolti dallo studente torinese Lorenzo Ruffino, le classi in quarantena sarebbero oltre 1200 e le scuole chiuse 231. Il rilevamento non dà conto di quanto avviene attorno alla scuola ma i risultati ci dicono che i contagi sono in aumento. In regioni come Emilia e Toscana i minorenni rappresentano il 20% del totale dei contagiati, mentre nel comune di Milano il 15%. Questo quando a luglio il dato era attestato al 5,6%.

La risposta per contenere i contagi è stata individuata nei test salivari, che anche il ministero alla Salute reputa meno invasivi rispetto ai tamponi rapidi. Ma l’unica Regione che li stà impiegando è il Lazio.

ad utilizzare i salivari per ora è il Lazio. Per la risposta occorrono dodici ore e in attesa che si riducano i tempi si sta facendo scorta di tamponi rapidi. Dal commissario straordinario Domenico Arcuri ne sono stati ordinati cinque milioni, che saranno messi a disposizione anche dei medici di famiglia.

Michele Bocci

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...