Effetto scuola sui contagi. Triplicati gli studenti positivi

Fonte: La Repubblica – 9 ottobre 2020

Ora l’allarme è tra i giovani: in Italia a luglio erano il 5,6% del totale dei nuovi infettati, ieri sono arrivati al 15% Braccio di ferro tra Cts e ministero sui tamponi salivari. Vaia dello Spallanzani: “Utili per lo screening negli istituti”.

All’apertura delle scuole la media giornaliera dei casi di covid era di 1.400 unità. Dopo tre settimane, il numero dei contagi è salito a 4.458. Dati che devono essere ancora analizzati ma anche gli esperti del Cts ritengono che l’aumento dei contagi sia una conseguenza del ritorno sui banchi di scuola. A motivare tale valutazione è il fatto che la maggior parte dei positivi sia asintomatico e il virus raramente crea seri danni ai giovanissimi che ora costituiscono la categoria più colpita. Come spiega Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive, il contagio si muove all’interno delle famiglie e un mabino positivo ne provoca altri quattro o cinque tra i parenti più stretti.

Secondo i dati raccolti dallo studente torinese Lorenzo Ruffino, le classi in quarantena sarebbero oltre 1200 e le scuole chiuse 231. Il rilevamento non dà conto di quanto avviene attorno alla scuola ma i risultati ci dicono che i contagi sono in aumento. In regioni come Emilia e Toscana i minorenni rappresentano il 20% del totale dei contagiati, mentre nel comune di Milano il 15%. Questo quando a luglio il dato era attestato al 5,6%.

La risposta per contenere i contagi è stata individuata nei test salivari, che anche il ministero alla Salute reputa meno invasivi rispetto ai tamponi rapidi. Ma l’unica Regione che li stà impiegando è il Lazio.

ad utilizzare i salivari per ora è il Lazio. Per la risposta occorrono dodici ore e in attesa che si riducano i tempi si sta facendo scorta di tamponi rapidi. Dal commissario straordinario Domenico Arcuri ne sono stati ordinati cinque milioni, che saranno messi a disposizione anche dei medici di famiglia.

Michele Bocci

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...