Concorsi pubblici più snelli, ovvero quando non tutto il male viene per nuocere

Non tutto il male viene per nuocere e oggi ne abbiamo una prova. L’emergenza Coronavirus continua a creare disagi e preoccupazione ma un lato positivo infatti lo ha prodotto: i concorsi pubblici si svolgeranno in modo più snello e in una modalità diciamo più al passo con i tempi. Sì, nella patria della burocrazia e delle procedure super farraginose c’è voluta la pandemia che sta mettendo in croce l’intero pianeta per compiere il miracolo. Fatto è che sarà assicurata un po’ di semplificazione in uno dei campi che da decenni continua a dare il meglio (cioè il peggio) del lato oscuro della macchina pubblica, appunto quello dei concorsi. Ossia di quella cosa che, una volta conclusa, si riapre già il giorno dopo a suon di contestazioni, ricorsi e, nei casi più eclatanti, con una sentenza di annullamento delle prove e conseguente indizione di una nuova selezione. A passare alla storia è il Ministro della pubblica amministrazione Fabiana Dadone, alla quale si deve la rivoluzione che prenderà corpo con i prossimi concorsi per la selezione del personale della pubblica amministrazione. Le prove si svolgeranno in sedi decentrate per eliminare gli assembramenti ma soprattutto attraverso i test scritti in modalità informatica e con prova orale in videoconferenza. Per la presentazione delle domande di partecipazione sarà indispensabile indicare lo SPID e l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Ci stiamo ricordando che per il nostro paese si tratta di una rivoluzione, quindi ci asteniamo dall’osservare che, visto che l’emergenza sanitaria tra un po’ compirà un annetto, forse ci si poteva pensare prima. Ora tutti gli occhi sono puntati sul concorso della scuola al via il 22 ottobre. Purtroppo, a parte la novità della moltiplicazione delle sedi di esame per assicurare il distanziamento, per questa selezione grosso modo si prevede la vecchia procedura. Ma diciamolo, visti i problemi verificatisi con la gestione informatizzata delle graduatorie, forse c’è da tirare un sospiro di sollievo. Già le cose si prospettano complicate, figuriamoci se fossero stati introdotti stravolgimenti nelle procedure, per quanto auspicabili. L’esperienza ci fa dire: rivoluzioniamo e snelliamo ma a piccoli passi, per non essere costretti a rimpiangere il tempo in cui si stava peggio.

Alberto Barelli

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...