Didattica digitale: un master per ogni scuola

Dall’infanzia alla formazione degli adulti, percorsi specifici per ogni ordine

Il ritorno insidioso del COVID e l’accelerazione che ha impresso alle comunicazioni alternative a quella in presenza rendono particolarmente importanti per chi insegna o vuole insegnare sapersi muovere all’interno della didattica a distanza e delle sue dimensioni di tecnologie digitali con un suo statuto cognitivo.

La parte che svolgerà anche in questo anno scolastico per la gestione delle quarantene preventive non è la medesima per ogni ordine di studi, anzi di articolerà in modo differenziato, con linguaggi e contenuti specifici a seconda se verrà applicata a studenti dell’infanzia, della primaria o della secondaria o del sostegno.

Questa motivazione è alla base di una collana di master di primo livello universitario che E Campus Noi della Scuola ha realizzato nell’ambito di “Tecnologie digitali e metodologie didattiche a distanza”, che prevede un piano di studi per la scuola dell’infanzia, uno per la primaria ed uno per le scuole secondarie di primo e secondo grado e per la pedagogia speciale.

Gli aspetti pedagogici e didattici sono comuni

  • Informatica per l’educazione
  • Didattica e tecnologia dell’istruzione e dell’apprendimento
  • Coding
  • Didattica con i media digitali
  • Pratiche didattiche per la scuola

I settori scientifici disciplinari sono per Informatica, per gli altri MPED/03.

Nella sezione specifica

  • Didattica ed educazione mediale nella scuola dell’infanzia
  • Didattica digitale per la scuola dell’infanzia
  • Fondamenti pedagogici per l’infanzia 0-3 anni

Nel master dedicato alla scuola primaria a questi insegnamenti si alternano

  • Didattica ed educazione mediale nella scuola primaria
  • Storytelling, narratività e cultura visuale
  • Tecniche della formazione a distanza
  • Aspetti psicologici dell’attività didattica on line

Passando alla scuola secondaria

  • Didattica ed educazione mediale nella scuola secondaria di primo e secondo grado
  • Storytelling, narratività e cultura visuale
  • Tecniche della formazione a distanza
  • Tecnologie dell’informazione e psicologia

Infine, il master sulla didattica a distanza dedicata agli insegnanti di sostegno

  • Bisogni educativi speciali e tecnologie per l’inclusione
  • Pedagogia dell’intervento educativo speciale
  • Strumenti e tecniche d’intervento della didattica on line in presenza di deficit

Un’appendice molto importante è la declinazione del corso sulla didattica digitale applicati ai contesti della formazione continua e ai contesti professionali, che conclude questo ciclo di percorsi dedicati. In questa fattispecie alla prima parte che torna come nei master, segue un approfondimento con

  • Tecniche della formazione a distanza
  • Diritto Digitale, dell’informazione e delle nuove tecnologie
  • Etica della comunicazione e dell’informazione
  • Educazione degli adulti

I 5 master per scuola infanzia, primaria, secondaria, sostegno e formazione degli adulti sono titoli a cui i punteggi ministeriali delle ultime graduatorie attribuivano un punto e i punteggi del concorso 0.5.

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...