Assegnare le cattedre, la nuova mission impossible

E’ vero, pensare di trasformare la patria della burocrazia e del groviglio di norme in un paese dove la semplificazione delle procedure è la normalità, sarebbe troppo. Ma che in piena emergenza sanitaria, e con tutti gli ostacoli con i quali deve fare i conti il mondo della scuola, i dirigenti scolastici debbano passare ore e ore per districarsi nella giungla di cavilli per assegnare le supplenze anche per poche settimane ha dell’assurdo. Eppure riuscire ad andare a buon fine con la copertura delle cattedre scoperte continua a divenire una vera e propria mission impossible. Morale della favola, trovare i supplenti o meglio, andare a segno con l’assegnazione senza rischiare l’annullamento, si sta trasformando in un incubo. Morale della favola, a un mese dall’inizio dell’anno scolastico migliaia di cattedre continuano a rimanere scoperte. Che le cose si sarebbero messe male, si sapeva fin dall’inizio, mancando all’appello un numero di insegnanti da urlo. Poi ci si sono messi gli errori nelle graduatorie, che hanno dato grattacapi a non finire. Ora ci si mettono le normative da rispettare per la gestione delle domande di messa a disposizione.

Il punto è stato fatto da Orizzontescuola.it, che ha raccolto una marea di segnalazioni di aspiranti insegnati disperati. Gli istituti devono procedere con l’individuazione dei candidati ricorrendo alla domanda di messa a disposizione. Problemi di aggiornamento delle graduatorie a parte, le domande presentate sono state quasi due milioni. Trovare la domanda di messa a disposizione di un aspirante non inserito in alcuna GPS, come si può immaginare, non è la cosa più semplice di questo mondo. E nel caso in cui in una scuola fosse stata assegnata una supplenza a un insegnante inserito nella graduatoria di un’altra provincia cosa accade? Buio completo, perché la circolare ministeriale non ne parla.

Molti docenti sono inseriti in graduatorie in una posizione per la quale sicuramente non riceveranno mai una supplenza nei prossimi due anni. Che speranze hanno? La testimonianza di una delle vittime della circolare ministeriale parla da sola: “Sono iscritta nelle GPS di Roma e, nonostante abbia accettato le mille convocazioni, non sono mai stata confermata dalle scuole. Finalmente con una MAD a Genova mi hanno convocata per un incarico annuale, ma, data la Circolare, non ho potuto prendere servizio. Avrei potuto lavorare un anno e la scuola avrebbe potuto colmare un vuoto. Domanda e offerta si sono perfettamente incontrate..e invece no!”

Altra voce disperata: “Chi si trovava in terza fascia poteva scegliere una provincia per le GPS e inviare entro il 3 settembre delle MAD, ma dal 5 settembre pare che le MAD siano incompatibili con le GPS. Allora perché non dirlo prima, magari per avere maggiori possibilità si puntava solo sulle MAD. Se uno accetta una MAD fuori provincia che succede? Lo deve fare presente o le scuole hanno cestinato le MAD?”. Questo è il clima. Se parlare di mission impossible poteva sembrare esagerato, a sentire la voce dei malcapitati vittime del sistema ministeriale c’è da ricredersi.

Alberto Barelli

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...