Concorso docenti, la prova preselettiva ha ruolo di mero «sfoltimento»: no al punteggio di sbarramento

Fonte: Il Sole 24 Ore – 14 ottobre 2020

Le prove preselettive dei concorsi per accedere all’insegnamento serviranno per “sfoltire” il numero dei candidati che, superate, accederanno alle prove scritte e poi all’orale utili alla graduatoria finale. È quanto emerge dalla sentenza 10061/2020 pubblicata il 2 ottobre dove il Tar del Lazio ha chiarito che è illegittimo il bando di concorso che fissa un voto minimo di superamento della prova preselettiva che non concorre alla formazione del punteggio finale nella graduatoria di merito. Un passo indietro. Nel 1994 il Dpr 487 ha esplicato il regolamento sulle norme per l’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi al pubblico impiego. Nel 1996 il regolamento è stato integrato ammettendo che le prove di esame del concorso possono essere precedute da forme di “pre-selezione”. Lo stesso regolamento, inoltre, prevede che il punteggio finale ha come elementi costitutivi i voti delle prove scritte e del colloquio orale. Dunque, davanti ad un numero elevato di candidati si può ricorrere ad uno “sfoltimento” preliminare. Nel 2018 il ministero della Semplificazione ha chiarito che la preselezione deve essere rivolta a selezionare un numero di candidati non talmente grande da rendere il concorso difficile da gestire e la preselezione inutile, né talmente piccolo da renderlo poco competitivo. Il numero di candidati preselezionati, dunque, deve essere corrispondere a un multiplo del numero di posti messi a concorso.

Pietro Alessio Palumbo

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...