Studio Cgil: più di 8 insegnanti su 10 usano per le lezioni un Pc personale

Fonte: Il Sole 24 Ore – 14 ottobre 2020

Inoltre, più del 60% degli insegnanti incontra «difficoltà significative» con le attrezzature a disposizione, elemento che spesso va a sommarsi a forti problematiche relative alla gestione degli spazi entro cui sono chiamati a operare.

8 insegnanti su 10 (83,3%) per la didattica a distanza utilizzano un proprio dispositivo e oltre il 60% degli insegnanti riscontra «difficoltà significative» con gli strumenti a disposizione, elemento che spesso va ad aggiungersi ai problemi legati agli spazi in cui sono chiamati a operare. È quanto emerge da uno studio della Flc-Cgil sulla didattica a distanza, illustrato nei giorni scorsi con una conferenza stampa telematica. Lo studio è stato diffuso mentre torna al centro del dibattito la proposta di passare alla didattica a distanza per le scuole superiori per evitare l’affollamento sui mezzi di trasporto. Una proposta avanzata dai governatori delle Regioni ma bloccata dalla ministra Lucia Azzolina e dal premier Giuseppe Conte.

Il 76,6% degli insegnanti ritiene insostituibile la didattica in presenza e considerano la didattica a distanza una soluzione temporanea. A confermare il giudizio sulla insostituibilità della didattica in presenza c’è una quota importante di insegnanti (30,4%) che hanno dichiarato che la didattica a distanza non permette di raggiungere tutti gli studenti. La situazione risulta peggiore nel Mezzogiorno, dove soltanto il 24,2% degli insegnanti ha dichiarato che riesce ad assicurare la didattica a tutti gli studenti. Gli ostacoli maggiori sono riscontrati nelle scuole dell’infanzia, ma problemi sono registrati anche dai docenti delle scuole secondarie di primo grado e degli istituti tecnici e professionali Secondo il rapporto Flc-Cgil le difficoltà sono dovute all’inadeguatezza dei dispositivi da parte delle famiglie degli studenti, e a carenze organizzative.

La didattica a distanza dovrebbe deve essere considerata come una extrema ratio, non è la soluzione ai problemi organizzativi che sono fuori dalle scuole»: lo ha detto il segretario generale della Flc-Cgil, Francesco Sinopoli, nel corso della presentazione dello studio. «A questo punto – ha sottolineato – è necessario aprire un confronto per la sua regolazione contrattuale».

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...