Scuola, con la didattica a distanza si lavora di più e si studia di meno

Fonte: Il Manifesto – 14 ottobre 2020

Si lavora di più, si studia di meno: è questo il risultato della didattica a distanza svolta durante il lockdown. E’ quanto emerge dalla ricerca “La scuola ‘resta a casa’” presentata a Roma dalla Flc-Cgil con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio, le università Sapienza di Roma e Teramo. Sono gli stessi docenti a dirlo. Un terzo di loro, di scuole di ogni ordine e grado, non è riuscito a coinvolgere tutti gli studenti delle proprie classi. Al Sud e nelle Isole la situazione peggiore. Il carico di lavoro sarebbe aumentato soprattutto per i docenti della scuola primaria (73,9%) e degli istituti professionali e tecnici (69,5%). Oltre a programmare e poi a svolgere online le lezioni, ad aggravare le condizioni lavorative è stata anche la macchinosità dei processi decisionali interni agli istituti che non avevano mai usato questo tipo di didattica. I docenti si sono adattati: 8 su 10 hanno usato computer personali e la connessione delle proprie abitazioni. Il 60% di loro hanno dovuto dividere con i figli e gli altri membri della famiglia pc e connessione. Dall’inchiesta è emersa anche l’inadeguatezza delle infrastrutture tecnologiche e degli strumenti digitali a disposizione: per questo molti docenti non sono riusciti a raggiungere tutti gli studenti, a causa della poca connessione, in alcuni casi addirittura assente. Ciò che emrge dalla ricerca è chiaro: la didattica in presenza è insostituibile, lo sostiene il 76% degli intervistati. “Sulla didattica a distanza servono regole contrattuali – sostiene Francesco Sinopoli (flc Cgil) – Va convocato urgentemente un tavolo presso il Ministero o l’Aran”.

Roberto Ciccarelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...