AGLI ASPIRANTI PROF DEL CONCORSO STRAORDINARIO, SIAMO CON VOI!

E’ probabile che in queste ore di vigilia si sentano della cavie di laboratorio ma se anche il concorso ordinario docenti potrà celebrarsi dipenderà sopratutto da loro, dagli aspiranti insegnamenti che da domani, giovedì 22 ottobre 2020, e fino al 16 novembre, sosterranno l’unica prova del concorso straordinario docenti, una procedura riservata a chi ha tre anni di servizi, i cosiddetti docenti precari.

 

Inizia alle 8.00 e si finirà alle 13.30, la seduta inaugurale per le classi A008 Discipline Geometriche, architettura, design e scenotecnica, classe A016 di Disegno artistico e modellazione odontotecnica, A057 Tecnica della danza classica, B006 Laboratorio di Odontotecnica. Seduta pomeridiana subito dopo, alle 13.30 e si concluderà alle 17.00 per A009 Discipline grafiche, pittoriche e scenografiche, A033 Scienze e tecnologie aeronautiche, A042 Scienze e tecnologie meccaniche, B015 Laboratori di scienze e tecnologie elettriche ed elettroniche. Avranno pochi minuti per leggere i sei quesiti aperti e 150 minuti per rispondere, dopo naturalmente aver espletato alcune formalità di identificazione, aver consegnato l’autocertificazione e avere superato i protocolli di sicurezza, tra i quali la misurazione della temperatura. Quanto alle sedi, domani mattina si apriranno le parte della Calabria e di Bolzano, della Sardegna, Trento, la Campania e l’Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte 2, Puglia, Sicilia 2, Toscana, Umbria e Veneto. Ad aspettare i candidati, sia per posto comune per che sostegno, ci sarà un computer sanificato. E il pronti, attenti, via, sarà sincronizzato su tutto il territorio nazionale. Il Ministero ha ribadito che chi non si presenta non avrà una prova d’appello anche se l’impedimento sarà rubricabile sotto la voce forza maggiore, leggi COVID. I candidati non potranno avere niente con sé, tutto, per motivi di sicurezza, sarà fornito al momento e monouso. Finita la prova bisognerà attendere la manovra di deflusso per alzarsi dalla postazione.

 

A loro, che debbono sostenere una prova, comunque impegnativa, in condizioni non proprio ottimali, va il pensiero di Noidellascuola e l’augurio, come si diceva in un lock down, che speriamo non torni, Andrà tutto bene.

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...