Domani via al concorso per reclutare prof, il Pd chiede prove suppletive per Covid

Fonte Il Sole 24 Ore (21 ottobre 2020)

Al via domani il concorso straordinario per docenti precari con almeno 3 anni di servizio: non si fermano, però, le polemiche. Il Partito Democratico scende in campo alla vigilia con una nota congiunta il capogruppo a Palazzo Madama Andrea Marcucci ed il vicepresidente della commissione Istruzione Francesco Verducci: “E’intollerabile che la ministra Azzolina non abbia previsto e comunicato una prova suppletiva per gli insegnati che sono in quarantena o positivi. Il Pd chiede ufficialmente alla ministra questa minima garanzia”.

Nel frattempo oltre 3.500 docenti precari, si sono intanto riuniti in un gruppo Facebook dal nome “No concorso straordinario durante Covid” e chiedono “il rinvio del concorso a tempi migliori al fine di arginare i danni di quello che si configura a tutti gli effetti come una bomba epidemiologica di cui qualcuno prima o poi dovrà rendere conto alle famiglie e agli studenti dai quali torneremo in classe il giorno successivo a fare lezione”. Il concorso straordinario sarà anche l’argomento di una conferenza stampa convocata nel pomeriggio di oggi dai maggiori sindacati della scuola. Sembra, però, impossibile che venga prevista una prova suppletiva per i docenti in quarantena a causa del Covid: chi oggi non potrebbe partecipare al concorso avrebbe più tempo per studiare e, con il prorogarsi delle quarantene il concorso non terminerebbe mai! Inoltre neanche per i test di accesso alla facoltà di Medicina era prevista una prova suppletiva. Dunque domani, 22 ottobre, prenderà il via il concorso: il ministero ha reso noto di aver lavorato per garantire la distribuzione dei candidati nelle aule per tutto il territorio nazionale evitando qualsiasi forma di assembramento. Sono 64.563

le persone che parteciperanno: la prova scritta, che durerà 150 minuti, da superare con il punteggio minimo di 7/10, sarà svolta con il sistema informatizzato, è distinta per classe di concorso e tipologia di posto.

Articolo abstract Redazione

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...