Concorso straordinario, Azzolina: non ci sarà prova suppletiva, vi dico perché. Si farà, così avremo meno precari

Fonte www.orizzontescuola.it (21 ottobre 2020)

 

In una lunga intervista rilasciata ieri a La7 il Ministro Azzolina ha ribadito che non sarà prevista una prova suppletiva per il concorso per coloro che non potranno partecipare a causa di quarantena o sintomi riconducibili al COVID.

“Abbiamo un parere della Funzione pubblica che vale per tutti i concorsi della Pa. Quel parere non prevede prove suppletive perché si fa riferimento a dei principi ben precisi e vale per tutti i concorsi pubblici, compresa la scuola. – ha spiegato il ministro – Il parere è stato dato per la prima volta al Ministro Manfredi in occasione dei test all’Università a settembre. Si aveva stesso problema. Il no alle prove suppletive vale per tutti i concorsi pubblici, compreso quello dei Carabinieri che si sta svolgendo in questo periodo”. Alla vigilia dell’avvio delle prove sul concorso continuano a registrarsi polemiche. Il Ministro ha voluto essere rassicurante: “non dovete immaginare grandi padiglioni, dovete immaginarvi dieci persone per laboratorio, distanziate, con gli igienizzanti e il controllo della temperatura all’ingresso. Ci servirà per avere meno precari l’anno prossimo perché potremo assumere”. A esprimere un diverso parere è anche il PD, che ha espresso contrarietà al concorso ritenendolo “un rischio che sarebbe meglio non correre“. Il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci ed il vicepresidente della commissione istruzione Francesco Verducci chiedono alla ministra almeno “una prova suppletiva per gli insegnanti che sono in quarantena o positivi”.

abstract articolo di redazione

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...