Didattica a distanza: le lezioni possono essere più corte. Stop dopo 50 minuti

Fonte: Corriere della Sera – 28 ottobre 2020

Le lezioni online si potranno ridurre di 10 o 15 minuti. Sono le scuole a decidere come organizzare la didattica a distanza, come previsto dall’integrazione al contratto dei docenti con la quale si regolarizza e si introduce l’obbligo delle lezioni online almeno fino al 31 gennaio, fin quando, cioè, è in vigore lo stato di emergenza. Il contratto non è ancora in vigore, ma il ministero lo ha già trasmesso ai presidi: mancano le firme di Cgil e Snals e quando le parti sociali che rappresentano il 51 per cento degli insegnanti avranno dato il loro consenso potranno essere applicate. Per oggi, 28 ottobre, è previsto un incontro al ministero dell’Istruzione tra i sindacati e il ministro Azzolina. Intanto le nuove norme sull’obbligo della didattica a distanza nelle scuole superiori per almeno il 75 per cento delle lezioni ha portato alcuni cambiamenti nelle linee guida. Molti istituti hanno optato per lasciare a casa I professori e non farli andare a scuola per svolgere le lezioni online: non solo per comodità, ma anche perché le linee internet delle scuole sono state previste per un certo numero di collegamenti, non per tutte le classi.

Abstract articolo Redazione

Articoli recenti

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...