Didattica a distanza per le superiori al via. Sindacati divisi sull’obbligo dei prof di fare lezioni online

Fonte: Corriere della Sera – 28 ottobre 2020

Slitta la firma del contratto che consente le lezioni da casa. Proteste degli studenti a Bologna e Milano: così non è scuola. Oggi incontro ministro sindacati

Entra in vigore oggi l’obbligo di svolgere «almeno» il 75 per cento di lezioni da casa ma tanti istituti faranno interamente le lezioni online. E gli studenti scendono in campo sotto lo slogan «il 25 per cento di scuola in presenza non è scuola». Solo nel capoluogo emiliano hanno raccolto quasi mille firme un giorno. Domani si terrà una manifestazione degli studenti del liceo Volta davanti alla Regione Lombardia per contestare il 100 per cento di lezioni da casa previsto stabilito dal governatore Attilio Fontana. La ministra Azzolina ha garantito di ridurre la quota di «almeno 75 per cento», ma più di tanto non si potrà fare dato che già un terzo delle lezioni erano già a distanza.

Il ministero dell’Istruzione ha presentato la bozza di integrazione del contratto degli insegnanti che obbliga a tenere lezioni da casa. A oggi però lo hanno sottoscritto solo Cisl e Anief e dunque non è in vigore. Si sono schierate contro Gilda e Uil. Cgil e Snals hanno chiesto di incontrare il ministro per approfondimenti. «Le nuove norme ce le chiedono anche gli insegnanti perché sono a tutela di tutti – afferma Maddalena Gissi della Cisl – abbiamo lavorato per regole condivise».

Il nuovo contratto dovrà risolvere la questione degli insegnanti in quarantena: fino a questo momento non potevano insegnare, perché per legge erano considerati in malattia. La nuova norma invece recita: «sarà svolta anche dal docente in quarantena fiduciaria o in isolamento fiduciario, ma non in malattia certificata, esclusivamente per le proprie classi, ove poste anch’esse in quarantena fiduciaria». Più complesso il caso in cui il docente sia a casa e le classi a scuola. La soluzione è un po’ macchinosa e di difficile applicazione: il professore a casa infatti «svolgerà la didattica a distanza laddove sia possibile garantire la compresenza con altri docenti» per sorvegliare gli studenti.

Abstract di Gianna Fregonara

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...