Lezioni web obbligatorie: chi ne salta una su quattro perde l’anno scolastico

Fonte: Il Messaggero – 28 ottobre 2020

Devono essere messe nero su bianco le regole di comportamento da seguire durante le lezioni online: anche queste sono didattica a tutti gli effetti. Quindi tutti devono rispettare le stesse regole, in primis è essenziale la presenza. Le assenze, infatti, vengono registrate, ogni giorno, e non deve essere superata la soglia del 25 per cento di lezioni perse durante l’anno: è una norma che riguarda le lezioni in presenza, ma viene estesa anche a quelle da remoto. Unica giustificazione: la difficoltà di connessione. Quegli alunni che saranno assenti per oltre il 25 per cento delle lezioni rischiano di non essere ammessi agli scrutini finali: quindi, la bocciatura. Importanti sono anche gli atteggiamenti da evitare durante le lezioni online. Nelle linee guida del Ministero dell’Istruzione è previsto che il Regolamento di disciplina degli studenti nelle scuole venga integrato prevedendo infrazioni disciplinari legate a comportamenti scorretti durante la didattica digitale integrata e che meritano note e ammonizioni, richiami e convocazioni, sempre online, dei genitori. “Non è possibile che un alunno – sottolinea Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi di Roma e del Lazio – si faccia vedere in video in pigiama o mentre fa colazione. Non è corretto neanche disturbare la lezione con i rumori di fondo nell’ambiente domestico. Sappiamo bene che non tutti gli studenti hanno a disposizione una cameretta da cui poter seguire le lezioni ma deve essere loro cura disattivare il microfono. Educazione e rispetto, quindi, devono essere presenti in classe così come online”. Gli alunni devono essere puntuali: se si entra in ritardo non serve accendere il microfono per scusarsi – e disturbare la lezione – basta scriverlo nella chat comune. La webcam deve essere accesa sul primo piano dello studente: è vietato riprendere e fotografare le immagini sullo schermo senza aver chiesto prima il permesso ed è vietato diffondere audio o video di quanto accade durante la lezione.

Le ore non sono più da 60 minuti: la durata può essere ridotta a 40-45 minuti perché è importante far riposare gli occhi che, altrimenti, resterebbero fissi davanti allo schermo per troppo tempo.

Abstract articolo di Lorena Loiacono

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...