VACCINAZIONE OBBLIGATORIA DEGLI INSEGNANTI: LA TEMPESTA PERFETTA?

Pronti a una nuova bella ondata di polemiche, scambio di accuse, dibattiti infuocati sugli spazi  social di insegnanti e studenti? Se il clima non è mai stato dei migliori, con innumerevoli temi già al centro di infinite discussioni (dagli ingressi scaglionati alla didattica a distanza), ecco all’orizzonte quella che potrebbe essere la ciliegina sulla torta. A cosa ci riferiamo? Presto detto: all’ipotesi del vaccino obbligatorio per insegnanti e personale della scuola. La nostra non è una profezia che necessiti di qualità extrasensoriali per essere avanzata. Basta pensare alle polemiche che da sempre accompagnano in generale le vaccinazioni e a quelle già sorte attorno all’antidoto anticovid. Aggiungete a questo la parolina scuola, che possiamo ben definire terreno di scontro per eccellenza,  e gli ingredienti per la tempesta perfetta ci sono tutti. Il nostro non è certo un augurio: la scuola ha già troppi problemi e motivi di divisione, per cui semmai c’è soltanto da sperare che non ci si trovi di fronte a una tegola destinata a rendere ancora più incandescente il clima. La speranza è che attorno a questo tema si discuta, ci si confronti, magari cogliendo l’occasione perché anche sui banchi di scuola si approfondisca l’argomento, ma per il resto che non si debba assistere a poveri dirigenti scolastici alle prese con la gestione di situazioni che possono rischiare di divenire difficilmente gestibili. L’esperienza seguita all’introduzione dell’obbligo di vaccinazione dei bambini quale requisito per l’iscrizione a scuola ce lo ha insegnato. In questo caso il fatto che a essere chiamati in causa siano i docenti può significare qualche problemino in più. Il rischio è che lo scontro tra gli ultra vegani e i ‘carnivori’ potrebbe apparire come una discussione all’acqua di rose. Ci mancherebbe solo uno sciopero di studenti e insegnanti contro la vaccinazione obbligatoria e saremmo veramente a posto.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...