A18, UNA CLASSE DI CONCORSO DEMOCRATICA. TUTTE LE LAURE CHE HANNO ACCESSO A FILOSOFIA E SCIENZE UMANE

Il laureato modello per insegnare Filosofia e scienze umane non esiste. La gamma di lauree che possono accedere a questo titolo è molto più ampia di quanto si pensi. Oggi parliamo di una delle classi più aperte: la a18, Filosofia e scienze umane. Se abbiamo i titoli per accedere a questa classe di concorso – 24 CFU, laurea magistrale, specialistica o vecchio ordinamento, tutti i crediti previsti dalle tabelle ministeriali della tabella A/1 del D.M. 92/2016 – potremmo diventare insegnanti di Filosofia nei licei, Scienze umane nel Liceo omonimo o dell’opzione Economico-Sociale, Relazioni internazionali negli istituti tecnici indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing, Teoria della comunicazione negli istituti tecnici indirizzo Grafica e Comunicazione, Scienze umane e sociali e Psicologia negli Istituto professionali indirizzo socio sanitario, Tecniche della comunicazione negli Istituti professionali alberghiero. Uno spettro di possibilità dunque molto ampio soprattutto perché trasversale agli istituti superiori, spaziando dai licei ai professionali. Chi può provare a diventare insegnanti di Filosofia e Scienze umane?  Nelle lauree nuovo ordinamento Psicologia LM 51 e 58, anche per Antropologia, Sociologia Programmazione dei Servizi educativi, Scienze della politica, Scienze della comunicazione e Scienze dell’educazione, Pedagogia, Scienze Filosofiche è titolo di accesso sia la laurea magistrale che la specialistica. Ma per farlo devono completare la classe di concorso, ovvero, avere nel piano universitario i seguenti 96 crediti: 24 di ambito filosofico e storico tra gli SSD (settori scientifici disciplinari, i codici vicino agli esami, per capirsi): M-FIL/01, M-FIL/02, M-FIL/03 o 04 M-FIL/06 o 07 o 08, M-STO/05

24 di ambito pedagogico tra: M-PED/01, M-PED/02, M-PED/04

24 di ambito psicologico tra: M-PSI/01, M-PSI/02, M-PSI/04, M-PSI/05 o 06

24 di ambito sociologico tra: SPS /07, SPS/08, SPS/09, SPS/11, SPS12

Chiaramente i laureati in psicologia più facilmente non dovranno integrale gli M/PSI, chi ha la laurea in Pedagogia quelli in M/PED, i Sociologi quelli in SPS e i Filosofi quelli in M/FIL. Per integrare i mancanti di solito si ricorre a corsi singoli, se il debito è concentrato solo in alcuni ambiti o ad un master se il debito è più frastagliato. Per chi deve conseguire i crediti necessari a completare la classe di concorso A18, Noidella scuola in questo periodo propone il master L’INSEGNAMENTO DELLE MATERIE FILOSOFICHE E UMANISTICHE NEGLI ISTITUTI SECONDARI DI II GRADO: METODOLOGIE DIDATTICHE, in una promozione combinata con i 24 CFU. Il master in 60 CFU abbraccia tutti gli SSD previsti nei 96 crediti ministeriali: 17 dei quali appartengono agli esami caratterizzanti il master: Sociologia generale, Pedagogia sperimentale e Pratiche didattiche per la scuola. Questi tre sono obbligatori ma poi, a seconda del debito del singolo, si possono scegliere i rimanenti 42 CFU tra M/FIL, SPS, M/PSI, M/PED

Passiamo alle lauree vecchio o vecchissimo ordinamento (2000/2001)

Se conseguite prima del 2000/2001 hanno l’accesso diretto Filosofia, Psicologia e Scienze dell’educazione, Scienze politiche, Sociologia e Storia per avere l’accesso diretto ha bisogno che nel piano di studi figurino un corso di discipline pedagogiche, uno di discipline psicologiche ed uno di discipline filosofiche. Le lauree in Filosofia, Psicologia, Scienza delle comunicazione, Scienze dell’educazione, Sociologia, se conseguite dopo il 2000/2001 hanno l’accesso diretto se nel piano di studi figurano: due corsi annuali (o quattro semestrali ) delle discipline di ciascuna delle seguenti aree: filosofica, pedagogica, psicologica e sociologica. In questo ultimo caso per completare la classe di concorso si può scegliere, a seconda dei casi, tra master e corsi singoli. Con l’avvertenza di tradurre 12 CFU quando il ministero parla di corsi annuali e 6 CFU quando parla di semestrali.

Fai valutare il tuo piano di studi da un consulente di Noidellascuola e scopri se e come puoi accedere alla A18.

info@noidellascuola.it

075 8515251

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...