La ministra Azzolina: «A scuola il 7 gennaio» Ma i presidi frenano

Fonte: Il Messaggero – 21 dicembre 2020

Il ministro dell’istruzione Lucia Azzolina assicura che il 7 gennaio si torna in classe. Ma la data  cade proprio all’indomani della fine del lockdown, fissata al 6 gennaio, pertanto si rientrerà per due giorni in classe, il 7 e l’8 gennaio, con il rischio che molti professori non saranno in classe, soprattutto nelle scuole del Nord, perché sono tornati a casa per festeggiare e lì resteranno in zona rossa. Ma Azzolina è chiara: «Non fa niente che il 7 sia un giovedì. Se lasciamo i nostri studenti a fare solo didattica a distanza è il Paese che un giorno perderà competenze. La scuola è anche motore di sviluppo economico del Paese. Non si può dire a un negozio: è giovedì, resta chiuso. Perché perderebbe l’incasso: ecco, anche la scuola ha il suo incasso». Per i prossimi giorni si attende l’ufficialità del piano per la riapertura di gennaio, che prevede il potenziamento dei trasporti pubblici, lo scaglionamento degli orari di ingresso a scuola e il tracciamento dei contagi negli istituti, con delle corsie preferenziali per monitorare e fare screening su docenti e studenti. Il piano dei trasporti prevedono il coinvolgimento dei prefetti, ma non i dirigenti scolastici: «È necessario che a tutti i tavoli provinciali coordinati dai prefetti siano invitati anche i dirigenti scolastici. Non è tempo di soluzioni calate dall’alto e soprattutto non c’è tempo da perdere – spiega Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi. – Hanno piena contezza delle necessità di spostamento di studenti e docenti e quindi sono in grado di proporre soluzioni ragionevoli e basate sui dati di realtà». Anche le Regioni chiedono di rivedere la soglia di abbassare la soglia al 50% ma preoccupala  questione degli orari: la linea generale dovrebbe prevedere orari diversi, nell’arco di due ore, in entrata e quindi anche in uscita. Se la prima classe entra alle 8, l’ultima entrerà alle 10. «È una richiesta irreale – sottolinea Per l’Udir si tratta di una richiesta irreale. Che cosa accadrebbe a quelle classi che entrano alle 10 e devono stare a lezione per 6 ore? Innanzitutto resterebbero a digiuno perché nelle scuole superiori non ci sono i locali della mensa. Senza contare che uscire alle 16 significherebbe veder dimezzato il pomeriggio, senza tempo per studiare.

Abstract articolo di Lorena Loiacono

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...