Scuola, dal 7 gennaio torna in classe il 50 per cento degli studenti: l’ordinanza di Speranza

Fonte: fanpage.it – 30 dicembre 2020

Ci si affida alla didattica integrata per il ritorno a scuola. Le lezioni in classe ripartiranno il 7 gennaio ma nell’ordinanza firmata ieri dal ministro della salute Speranza è stabilito per le scuole superiori il tetto massimo di presenze del 50%. Come si legge nel testo pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale “Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, in modo che, dal 7 gennaio al 15 gennaio 2021, sia garantita l’attività didattica in presenza al 50 per cento della popolazione studentesca. La restante parte dell’attività è erogata tramite la didattica digitale integrata”. Dopo il 15 gennaio è atteso quindi un nuovo dpcm, che darà indicazioni sul numero di presenze in classe, per le quali l’obiettivo di portare la didattica a distanza al 25% entro la fine del mese.

Alla decisione si è arrivati dopo una lunga fase di trattative, al termine delle quali è stato raggiunto un accordo per la ripresa delle lezioni in presenza per gli studenti delle superiori, considerato dal presidente dell’Anci Antonio Decaro “un bene per tutti, senza distinzioni”. (…)

E così oltre agli alunni delle elementari e delle medie, anche quelli più grandi potranno completare l’anno in classe, dopo mesi di didattica a distanza. Per tale obiettivo è al lavoro a livello provinciale un tavolo con prefetture ed enti locali per risolvere il nodo dei possibili assembramenti nei trasporti, che rappresenta il grande problema da superare.

Abstract articolo di Annalisa Cangemi

Articoli recenti

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...