Nuove regole e riduzione degli orari per le scuole

Fonte: Corriere della Sera – 4 gennaio 2021

Abstract articolo di Gianna Fregonara

Non soltanto ingressi scaglionati con lezioni fino alle 16 e, a turno, il sabato. La scuola superiore del 2021 avrà anche le ore ridotte: non più i canonici sessanta minuti, ma 45-50. la conferma che saranno accorciate le lezioni viene dalla nota del ministero dell’Interno che fa il punto su come saranno organizzate le scuole da giovedì prossimo. Stando alla ministra Lamorgese tutto è pronto: dal 7 si comincia con la metà degli studenti e dal 15 — ma più realisticamente sarà da lunedì 18 — con il 75% degli studenti in classe. I mezzi di trasporto aggiuntivi dovranno già essere tutti operativi  dal 7 per poter permettere uno stress test. Per il potenziamento sono stati stanziati altri 300 milioni. L’ingresso diversificato in turni, con gli ingressi fino alle 10, che scontentato i presidi e anche i professori, non è stata adottato in tutte le regioni: Emilia Romagna, Veneto, Molise, Basilicata e Sardegna manterranno gli ingressi per tutti alle 8. Nelle altre regioni per venire incontro alle esigenze di orario, gli istituti potranno invece ridurre la durata delle lezioni in modo da non superare le 16 come orario di uscita, recuperando con attività a distanza il tempo perso a scuola. Soddisfatti del lavoro di squadra le ministre Lamorgese, De Micheli e Azzolina che ha parlato di un «lavoro di squadra di cui andare fieri».

Ma a parte i malumori nel mondo della scuola per l’applicazione delle nuove regole, l’incognita sul ritorno in presenza resta quella sanitaria. Un altro aumento dei contagi potrebbe riportare alcune regioni in zona rossa e spingerle a mantenere le restrizioni sulla scuola. Giovedì l’Istituto superiore di sanità ha diffuso il primo report sulla situazione dei contagi tra bambini e ragazzi tra i 3 e i 19 anni per dare una base scientifica alle prossime decisioni del governo. Le conclusioni alle quali si è arrivati però non sono definitive: «Allo stato attuale delle conoscenze, le scuole sembrano ambienti relativamente sicuri», si legge nel rapporto dell’Iss, ma, d’altro canto, anche a causa della mancanza di dati «l’impatto della chiusura e della riapertura delle scuole sulle dinamiche epidemiche rimane ancora poco chiaro».

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...