Nuove regole e riduzione degli orari per le scuole

Fonte: Corriere della Sera – 4 gennaio 2021

Abstract articolo di Gianna Fregonara

Non soltanto ingressi scaglionati con lezioni fino alle 16 e, a turno, il sabato. La scuola superiore del 2021 avrà anche le ore ridotte: non più i canonici sessanta minuti, ma 45-50. la conferma che saranno accorciate le lezioni viene dalla nota del ministero dell’Interno che fa il punto su come saranno organizzate le scuole da giovedì prossimo. Stando alla ministra Lamorgese tutto è pronto: dal 7 si comincia con la metà degli studenti e dal 15 — ma più realisticamente sarà da lunedì 18 — con il 75% degli studenti in classe. I mezzi di trasporto aggiuntivi dovranno già essere tutti operativi  dal 7 per poter permettere uno stress test. Per il potenziamento sono stati stanziati altri 300 milioni. L’ingresso diversificato in turni, con gli ingressi fino alle 10, che scontentato i presidi e anche i professori, non è stata adottato in tutte le regioni: Emilia Romagna, Veneto, Molise, Basilicata e Sardegna manterranno gli ingressi per tutti alle 8. Nelle altre regioni per venire incontro alle esigenze di orario, gli istituti potranno invece ridurre la durata delle lezioni in modo da non superare le 16 come orario di uscita, recuperando con attività a distanza il tempo perso a scuola. Soddisfatti del lavoro di squadra le ministre Lamorgese, De Micheli e Azzolina che ha parlato di un «lavoro di squadra di cui andare fieri».

Ma a parte i malumori nel mondo della scuola per l’applicazione delle nuove regole, l’incognita sul ritorno in presenza resta quella sanitaria. Un altro aumento dei contagi potrebbe riportare alcune regioni in zona rossa e spingerle a mantenere le restrizioni sulla scuola. Giovedì l’Istituto superiore di sanità ha diffuso il primo report sulla situazione dei contagi tra bambini e ragazzi tra i 3 e i 19 anni per dare una base scientifica alle prossime decisioni del governo. Le conclusioni alle quali si è arrivati però non sono definitive: «Allo stato attuale delle conoscenze, le scuole sembrano ambienti relativamente sicuri», si legge nel rapporto dell’Iss, ma, d’altro canto, anche a causa della mancanza di dati «l’impatto della chiusura e della riapertura delle scuole sulle dinamiche epidemiche rimane ancora poco chiaro».

Articoli recenti

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

LA DENUNCIA DEI PRESIDI: TROPPE SCUOLE AL FREDDO

Si surriscalda la polemica attorno alle scuole e, in questo caso, verrebbe da dire bene. Il problema, infatti, è proprio la temperatura troppo fredda che rende difficile per molti studenti studiare in condizioni normali. Stando alla denuncia del presidente...

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

“Se si è imparato ad imparare si è fatti per imparare”

Perché non sviluppare strategie metacognitive già dalla scuola primaria? “La caratteristica peculiare dell’Università consiste nell’insegnare a studiare. La laurea è solo la prova che si sa studiare, che si sa acquisire formazione da se stessi e che ci si è trovati...

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...