Scuola: riaperture difficili, se non impossibili

Fonte: La Stampa – 4 gennaio 2021

Abstract articolo di Chiara Saraceno

Non si può lasciare nell’incertezza studenti e insegnati, andando avanti con l’attività scolastica di giorno in giorno, affidandosi a soluzioni di fatto improponibili, macchinose e che necessitano di un dispendio di tempo organizzativo che potrebbe essere investito per una didattica adeguata alla situazione. Come ripetono i presidi, per esempio, i doppi turni sono impossibili, o molto difficili da realizzare con il numero degli insegnanti attuali, perché insegnano su più classi (e in alcuni casi su più scuole). Anche per la scuola secondaria di primo grado lo scaglionamento degli orari di entrata e uscita è impraticabile, anche perché gli orari sono già molto lunghi. Aggiungiamo che le scuole non sono attrezzate per il servizio mensa. Perdurando la pandemia, meglio ricorrere alla didattica mista in modo stabile, senza cambiarla (o annunciarne il cambiamento) ogni quindici giorni. Se la situazione dei trasporti, del monitoraggio con i tamponi, della capacità di contact tracing non permette più del 50% in presenza, ci si organizzi per quella percentuale almeno per il prossimo mese o anche due, modificandola se solo quando la situazione epidemiologica sarà sensibilmente migliore, evitando annunci e promesse impossibili. E ci si impegni per una didattica a distanza che non sia la semplice trasposizione via video di quella frontale in presenza, senza caricare di compiti in modo inverosimile.

Oggi si tratta di esplorare le potenzialità del digitale, come risorsa di contenuti (si trovano splendide lezioni su pressoché tutto, fatte in modo estremamente affascinante), ma anche di guardarsi attorno nella propria comunità, per trovare sia chi può accompagnare gli studenti (e i docenti) che hanno maggiore difficoltà. Prendiamo atto che anche quest’anno scolastico è destinato a non essere “normale”, evitando di ripetere gli errori dello scorso anno e del primo trimestre di questo. Non basta ripetere il mantra della scuola come priorità e neppure del ritorno in presenza senza se e senza ma. Più produttivo ragionare su come mettere l’investimento nella scuola come una delle priorità del piano per il Next Generation Eu e, per l’anno in corso, porre le basi per una didattica integrata efficace, innovativa e praticabile. Magari riflettendo di ricorre, dopo aver vaccinato gli operatori sanitari e delle Rsa, anche alla vaccinazione degli studenti (dai 16 anni in su) e degli insegnanti.

Articoli recenti

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

E’ sempre più emergenza per la carenza di insegnanti di sostegno. Al numero dei posti già scoperti si aggiungono ora quelli lasciati vuoti dai vincitori del concorso, che entro Natale dovranno raggiungere le nuove sedi assegnate. Alla luce di questa nuova tegola che...

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

APPROFONDISCI LE TUE COMPETENZE CON IL MASTER SU L'AUTISMO L’autismo è un disturbo del neurosviluppo la cui origine è data dalla coesistenza di una predisposizione genetica e di fattori di rischio ambientali. Tale binomio provoca un’alterazione a livello sia cognitivo...

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEIVINCITORI DEL CONCORSO

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEI
VINCITORI DEL CONCORSO

Natale amaro per 1400 insegnanti vincitori del recente concorso: dovranno infatti trasferirsi subito per ricoprire il nuovo incarico.La conseguenza è che saranno ben 80000 gli studenti che resteranno senza insegnante. Considerati i tempi per coprire le cattedre vuote,...