Noi, in ritardo sui programmi e impreparati alla maturità

Fonte: Il Messaggero – 11 gennaio 2021

Pubblichiamo una lettera di protesta degli studenti dell’Istituto Superiore Falcone, di Asola, in provincia di Mantova. “Noi studenti vorremmo condividere il disagio e la frustrazione causata dal continuo rinvio dell’inizio delle lezioni in presenza, di cui veniamo sempre informati con poco preavviso, e alla cui assenza si crede di poter sopperire utilizzando il metodo della didattica a distanza, la quale, tuttavia, a lungo termine si dimostra inefficace. (…) Siamo stati informati del fatto che le scuole sarebbero state riaperte l’11 gennaio solo pochi giorni prima di questa data, notizia che, con grande rammarico e delusione da parte di tutti noi, è stata ulteriormente smentita rinviando l’inizio delle lezioni in presenza al 25 gennaio (data ipotetica e ancora da verificare). Sulla base di questo, vi sottoponiamo i seguenti problemi:

  1. Organizzazione inefficace, che presenta molte lacune. È diventata insostenibile la situazione scolastica, ogni qual volta che vengono pianificate verifiche ed interrogazioni con le corrispondenti ore di studio, una notizia dell’ultimo momento sovverte tutto quanto e dunque l’impegno degli insegnanti e degli studenti sfuma nel nulla. Tale disorganizzazione incrementa lo stress quotidiano (…).
  2. Prova di maturità: come maturandi non ci sentiamo tutelati poiché a causa dell’anno scolastico trascorso quasi totalmente online (oltre al secondo quadrimestre dell’anno scolastico 2019/2020), non ci reputiamo pronti a sostenere un esame che sia equipollente a quello degli anni precedenti. (…)
  3. Stress psicofisico: con il metodo della DAD noi studenti siamo costretti a trascorrere ben cinque ore o più davanti ad uno schermo che silenziosamente agisce sulla nostra salute. Nei mesi di novembre e dicembre erano state introdotte nell’orario scolastico delle ore asincrone, durante le quali tutti gli studenti dovevano svolgere delle attività in modo autonomo, dunque scollegati dalla videochiamata. Nelle nuove misure prese per la DAD è stato eliminato questo elemento che, anche se in piccola parte, poteva alleggerire lo stress psicofisico che grava ogni giorno sugli studenti di tutta Italia. Inoltre gli studenti sono stati privati delle ore essenziali di attività fisica e socialità. (…)
  4. Trasporto pubblico: durante le vacanze estive il Governo, in collaborazione con le regioni, avrebbe dovuto provvedere alla riorganizzazione dei mezzi di trasporto in vista della riapertura a settembre per poterci permette spostamenti in piena sicurezza, ciò non si è verificato e tuttora tale problema persiste, ostacolando dunque la ripresa delle lezioni in presenza.
  5. Alcuni studenti hanno difficoltà ad apprendere tramite la DAD e il programma scolastico che si esegue non equivale a quello che viene svolto in presenza. I professori sono costretti a sacrificare parti importanti del programma al fine di adattarlo e renderlo quanto più fruibile per questo nuovo metodo di insegnamento. (…)

In qualità di studenti stiamo vivendo le difficoltà di questa crisi più di quanto si creda e ci sentiamo trascurati da coloro che detengono le redini del nostro futuro.

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

TITOLO DI LAUREA: VERSO IL RISCATTO GRATUITO PER LA PENSIONE

No Laurea No insegnamento. E il rischio è di vedersi sfuggire anche la possibilità di maturare con un bel anticipo la pensione. Insomma del titolo di laurea non si può più fare a meno. Con la riforma dell’accesso all’insegnamento appena approvata da Parlamento, senza...

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...