GLI INSEGNANTI PROMUOVONO LA DIDATTICA A DISTANZA.

Si addice bene per la didattica a distanza (Dad), ma al contrario, il detto della Sora Camilla. Un detto breve breve che recita così: “tutti la vogliono nessuna la piglia”. Per la la Dad è vero l’opposto: tutti la criticano, tutti avanzano dubbi e ne parlano con sufficienza, ma tutti la utilizzano a man bassa. Ma ora a fare giustizia dello strumento che nei fatti sta salvando la didattica dall’inizio della pandemia è il risultato di uno studio condotto tra gli insegnanti di ogni ordine e grado della scuola promosso dall’Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche (Inapp). Per la stragrande maggioranza dei docenti il giudizio sulla Dad è assolutamente positivo. Non solo, il 73,6% è favorevole a continuare a introdurre la formazione attraverso gli strumenti digitali anche una volta finita l’emergenza e che si è ritornati alla didattica in presenza. Ben la metà degli intervistati ritiene utile continuare a utilizzare la modalità on line anche per i colloqui e le riunioni con studenti e genitori, oltre che per i consigli di classe. Il dato su cui tutti concordano è che la Dad ha contribuito a svecchiare la scuola italiana e la richiesta è di rendere questo strumento ancora più efficace. L’82,4% degli insegnati sollecita la definizione di uno standar unico per la didattica a distanza (Dad), mentre il 91,2% è importante potenziare la formazione dei docenti. Intanto l’altro dato con il quale il modo della scuola è chiamato a confrontarsi è che la maggior parte degli insegnanti ritiene che non ci siano le condizioni per tornare in classe. Anche i sindacati si stanno facendo portatori delle preoccupazioni dovute alla mancanza di garanzie per la sicurezza. La speranza naturalmente è che si torni presto alla normalità ma, volenti o nolenti, la situazione è questa e la Dad continuerà a lungo a dare il suo contributo fondamentale per assicurare la continuità didattica. Per il resto, si sa, la riconoscenza è merce rara ma alla fine i meriti vengono a galla, magari in questionari dove si può esprimere il proprio giudizio anonimamente. Ma fortuna per lei la DaD non è vanitosa come la Sora Camilla.

Alberto Barelli

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...