«Meno studenti in classe, più sicurezza a scuola» «Dobbiamo imparare da quello che abbiamo visto a settembre/ottobre», afferma Massimo Pieggi, docente e membro del consiglio d’istituto

Fonte: Il Manifesto – 12 gennaio 2021

Una lettera dei docenti del liceo classico Tasso, tra i più antichi di Roma, ha aperto un interessante dibattito sulle modalità di rientro a scuola. Il titolo del documento è «Basta propaganda sulle riaperture» e il nodo su cui è puntata l’attenzione è quello della continuità didattica che, sostengono, si può garantire solo riducendo le percentuali di studenti presenti fisicamente a scuola. «Dobbiamo imparare da quello che abbiamo visto a settembre/ottobre», afferma Massimo Pieggi, docente e membro del consiglio d’istituto, al quale rivolgiamo alcune domande. Le mobilitazioni di oggi [ieri per chi legge, ndr] hanno detto: «No alla Dad, torniamo in classe ma in sicurezza». È davvero possibile? Gli studenti hanno usato slogan diversi e non tutte le rivendicazioni coincidono. O meglio, qui a Roma c’è una specificità: tanti ragazzi, come quelli che frequentano il nostro liceo, non sono scesi in piazza contro la Dad, ma per contestare le decisioni del prefetto Matteo Piantedosi. In particolare i turni di ingresso fino alle 10 di mattina e la compressione dei giorni di lezione da sei a cinque. In alcuni istituti questo significherebbe uscire alle 17 o 18, rendendo ancora più complicata la vita degli studenti. Diritto allo studio significa anche garantire i tempi necessari a fare i compiti, ripetere, preparare le verifiche. In questi mesi molte proteste hanno chiesto di dare priorità al rientro tra i banchi. La pubblicazione sul manifesto del vostro appello, invece, ha fatto saltare il tappo a prese di parola differenti. Abbiamo ricevuto decine di lettere firmate da migliaia di studenti e docenti che denunciano grande preoccupazione per la didattica in presenza. La comunità scolastica è spaccata? Più che la didattica in presenza la fonte di preoccupazione è la sostenibilità dell’attuale modello organizzativo. Docenti e studenti desiderano tornare in presenza, ma è necessaria una modalità organizzativa strutturale che permetta una programmazione di lungo termine. Dal rientro in classe tra settembre e ottobre abbiamo visto che la frequenza con percentuali troppo alte è irrealistica. In quei mesi la situazione epidemiologica era migliore e si poteva fare lezione con le finestre aperte. Avere l’80% o il 100% degli studenti in presenza ha comunque provocato quarantene e interruzioni continue. Il problema non è solo per la nostra salute, ma riguarda la didattica e le relazioni con gli studenti. È molto peggio tornare due settimane al 75% e poi dover stare a casa due o tre mesi. Non esistono dati incontrovertibili sul contagio a scuola, ma sappiamo con certezza che quando qualcuno si contagia fuori poi bisogna mettere in quarantena intere classi e rispettivi docenti. E così salta la continuità.

Quindi cosa proponete?

Di tornare in classe con percentuali ridotte in questa fase epidemiologica. Il 75% o il 50% non sono sostenibili. Proponiamo la frequenza al 25/30%, portandola a metà degli studenti solo per le classi del primo anno. (…)  In un quadro simile noi docenti potremmo essere presenti tutti i giorni, facendo una parte di didattica dal vivo e un’altra online, collegandoci dalle scuole.

Vaccinare prima i professori è una soluzione?

Se significa dare priorità al personale scolastico – tutto, non solo i docenti – dopo quello sanitario e gli ospiti delle Rsa può andar bene. Ma non credo sia giusto anteporre chi lavora nelle scuole a medici, infermieri o agli anziani che vivono nelle residenze.

Abstract articolo di Giansandro Merli

 

Articoli recenti

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Lo Ius Scholae diventa una proposta di Legge

Si sta discutendo in queste ore di una nuova legge che potrebbe cambiare la vita a più di un milioni di ragazzi: lo Ius Scholae. Questa legge permetterebbe il riconoscimento della cittadinanza italiana a un percorso scolastico per i minori che non ce l’hanno dalla...

Didattica emozionale

Didattica emozionale

Serenità, interesse, noia, accettazione, apprensione, distrazione Tutti i nostri bambini dai più piccoli ai più grandi hanno un estremo bisogno di conoscere e riconoscere le loro emozioni: cosa provo? di comprenderle: perché provo questo? ed imparare ad esprimerle in...

Religione Cattolica o attività alternativa?

Religione Cattolica o attività alternativa?

La scelta fino al 30 giugno Al momento dell’iscrizione ogni genitore ha la possibilità di scegliere se avvalersi oppure no dell’insegnamento della Religione Cattolica. La scelta è valida per l’intero ciclo di scuola, fermo restando il diritto per i genitori di poterla...

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

IL FLOP DELLE SCUOLE APERTE D’ESTATE

Dal Ministero dell’istruzione un sostanzioso contributo contro la siccità: il piano dell’apertura delle scuole d’estate fa infatti acqua da tutte le parti. Ma in verità il problema è serio e c’è poco da scherzare. Veniamo allora al triste quadro che, per la buona pace...