Scuole, i governatori: Roma decida le regole, non può aprirle il Tar La richiesta a Speranza

Fonte Corriere della Sera – 20 gennaio 2021

Mentre tornano a casa gli studenti che avevano occupato le scuole si aspettano almeno due pronunciamenti del Tar in Veneto e Liguria sulle ordinanze di prolungamento della sospensione delle lezioni dei governatori. Lo scontro tra governo e Regioni sulla scuola non è finito e il premier Giuseppe Conte non aiuta a fare chiarezza  quando dichiara: «Ci preoccupa la curva epidemiologica ma faremo di tutto, l’obiettivo è la didattica in presenza». I governatori sollecitano invece al ministro della Salute Roberto Speranza di promulgare una regola nazionale con indicazioni su chiusure e riaperture, non essendo soddisfatti del parere del Cts di domenica. Del resto negli ultimi giorni a decidere se si torna o no in classe sono stati i Tribunali amministrativi. È Stefano Bonaccini a farsi portavoce dei governatori: «C’è l’assoluta necessità di un chiarimento anche di natura normativa, che risolva questa situazione di incertezza che va a discapito di studenti, genitori e di chi nella scuola lavora». «Il nostro interlocutore non è il Cts, ma resta il ministro», evidenzia il presidente del Veneto, Luca Zaia, che ha presentato una memoria al Tar contro i due ricorsi dei genitori per tornare in classe. Lui resta molto dubbioso sull’idea di riaprire in anticipo, come del resto il suo collega del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, che attacca: «Vogliamo chiarezza, perché in mezzo a una pandemia non si possono fare giochetti squallidi». Il presidente della Liguria Giovanni Toti ha disposto il rientro a scuola per la prossima settimana: «Se non ci sarà una sentenza del Tar, la Regione ragionerà sui numeri, che credo ci consentiranno nella settimana ventura di riaprire la didattica in presenza almeno al 50% nelle secondarie superiori». Ce l’ha anche lui con il governo: «Non è un tema di trasporti, come dice qualcuno a cui piace fare polemiche su Facebook, è un tema di buonsenso». La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha chiesto fondi per la scuola nel decreto Ristori in preparazione: 250 milioni per corsi di recupero per gli studenti; supporto psicologico e corsie preferenziali per i tamponi per gli studenti e il personale scolastico.

Abstract articolo di Gianna Fregonara

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...