Scuole superiori, funziona il «modello toscano»

Fonte: Il Manifesto – 22 gennaio 2021

Dopo dieci giorni dalla riapertura dei 465 istituti della regione, sia pure con un’affluenza scolastica al 50%, i nuovi casi di contagio restano al minimo con uno screening di 18mila tamponi settimanali. In Veneto il Tar conferma la chiusura voluta da Zaia «Il sistema sta funzionando». Ad affermarlo sono i dirigenti scolastici, gli studenti, e in generale tutti coloro che hanno lavorato per permettere il ritorno in classe degli studenti delle 465 scuole superiori toscane, sia pure al 50%. A dirlo anche i numeri: a dieci giorni dalla riapertura, i casi positivi sono pochissimi. In qualche caso, come nelle scuole di Bagno a Ripoli alle porte di Firenze, dopo oltre 1.500 test non c’è stato alcun positivo. E questo con controlli che sono aumentati: dall’indagine epidemiologica a campione si è passati ad un allargamento dello screening, con 18mila tamponi settimanali fra studenti, docenti, custodi e personale amministrativo. Mentre andava avanti lo scaglionamento di ingressi e uscite, la divisione delle fermate dei mezzi pubblici, aumentati con il ricorso ai bus privati, e il lavoro dei tutor della Protezione civile e degli steward delle aziende di trasporto pubblico. «Sembrava che l’istruzione fosse quasi un peso – tira le somme un soddisfatto Eugenio Giani – e questo non era accettabile. Con un grande lavoro di squadra tra istituzioni, dirigenti scolastici e volontariato siamo ripartiti. E se andiamo a vedere le curve dei contagi, l’altra settimana abbiamo avuto 2.901 casi in tutta la regione. Per ritrovare un dato così basso bisogna tornare all’11 ottobre, prima della seconda ondata». Per certo la Toscana, che resterà in zona gialla, è stata aiutata dal basso numero di nuovi casi, e da un Rt che resta seppur di poco sotto l’1%. A riprova, nel più problematico Veneto, il Tar ha respinto l’istanza di sospensiva presentata da 17 genitori contro l’ordinanza del presidente Luca Zaia, che aveva rinviato la ripresa delle lezioni in presenza fino al 31 gennaio. In ogni caso, a salutare la riuscita del «modello toscano» c’era ieri a Firenze la ministra dell’istruzione Lucia Azzolina:  «La scuola ha una governance complessa – ha osservato Azzolina ringraziando Giani – ma se tutti insieme si lavora per un obiettivo unico, che è quello dell’istruzione e della formazione di studentesse e studenti, il risultato si ottiene».

Abstract articolo di Riccardo Chiari

Articoli recenti

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

INSEGNANTI DI SOSTEGNO: E’ EMERGENZA

E’ sempre più emergenza per la carenza di insegnanti di sostegno. Al numero dei posti già scoperti si aggiungono ora quelli lasciati vuoti dai vincitori del concorso, che entro Natale dovranno raggiungere le nuove sedi assegnate. Alla luce di questa nuova tegola che...

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

I disturbi dello spettro autistico, come si può intervenire a scuola.

APPROFONDISCI LE TUE COMPETENZE CON IL MASTER SU L'AUTISMO L’autismo è un disturbo del neurosviluppo la cui origine è data dalla coesistenza di una predisposizione genetica e di fattori di rischio ambientali. Tale binomio provoca un’alterazione a livello sia cognitivo...

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEIVINCITORI DEL CONCORSO

NATALE SENZA INSEGNANTI PER GLI STUDENTI DEI
VINCITORI DEL CONCORSO

Natale amaro per 1400 insegnanti vincitori del recente concorso: dovranno infatti trasferirsi subito per ricoprire il nuovo incarico.La conseguenza è che saranno ben 80000 gli studenti che resteranno senza insegnante. Considerati i tempi per coprire le cattedre vuote,...