Macachi, potrà riprendere la sperimentazione nelle Università di Torino e Parma Il Consiglio di Stato ha dato il via libera allo studio che si propone di ridare la vista a persone cieche a causa di lesioni al cervello. Il ricercatore Tamietto: «Abbiamo perso un anno e mezzo per colpa di teorie complottiste e negazioniste»

Fonte: La Repubblica – 29 gennaio 2021

Dal Consiglio di Stato è arrivato il nulla osta per la sperimentazione delle Università di Parma e Torino sui macachi. I giudici amministrativi hanno infatti respinto il ricorso presentato dalla Lav che chiedeva lo stop. Si chiude così una strenua battaglia a suon di carte bollate che ha visto contrapporsi gli atenei e l’associazione animalista. I giudici di Palazzo Spada lo scorso ottobre avevano sospeso in via cautelare il progetto Light-Up degli atenei piemontese ed emiliano, che si propone di ridare la vista a persone cieche a causa di lesioni al cervello. Nel frattempo, avevano disposto alcune verifiche. In sostanza, gli esperti della «Fondazione Bietti per lo studio e la ricerca in Oftamologia» erano stati invitati a rispondere entro 70 giorni a quattro quesiti. Oggi, 28 gennaio, i giudici si sono espressi sul merito e nelle prossime settimane verrà depositata la motivazione. Dura la reazione della Lav: «Per i macachi sono finite le speranze di salvezza. Abbiamo combattuto una battaglia per oltre due anni, contro i giganti favorevoli alla sperimentazione animale. Oggi non ha perso solo la Lav, e gli oltre 440.000 cittadini che hanno aderito alle nostre richieste, ha perso tutta la ricerca, ha perso l’Italia dove si continua a voler difendere una sperimentazione fuorviante, dispendiosa e ancorata al passato, a discapito del diritto e della vita di tutti e dei metodi innovativi di ricerca». Esprimono soddisfazione le Università di Torino e Parma, che sottolineano «con preoccupazione e rammarico il considerevole ritardo accumulato (ben 20 mesi) nelle attività progettuali, nonché le false accuse che sono state rivolte contro dottorandi, ricercatori, personale e istituzioni pubbliche a causa della campagna denigratoria che, per alcuni tratti, ha travalicato i limiti del confronto sereno e del reciproco e doveroso rispetto su questioni tecnicamente complesse e con indubbi, delicati, risvolti etici, sfociando anche in minacce, aggressioni e deturpazioni perpetrate su suolo ed edifici pubblici delle città e degli Atenei coinvolti». Soddisfazione invece per il professor Marco Tamietto, dell’Università di Torino, è a capo della ricerca: «Siamo pronti a tornare in laboratorio oggi stesso. Abbiamo perso un anno e mezzo di tempo per colpa di una teoria negazionista e complottista. I dati scientifici e il rispetto di tutti i valori etici erano chiari fin da subito. Adesso ripartiamo, ma questa vicenda ha creato un danno pubblico al valore della ricerca, alle vite delle persone e al diritto dei pazienti di essere curati». «Si chiude oggi una triste pagina giuridica del nostro Paese che si sarebbe potuta concludere sul nascere anni fa». Questo il commento della scienziata e Senatrice a vita Elena Cattaneo sulla decisione del Consiglio di Stato. «È importante che le ragioni e il rigore delle valutazioni scientifiche proposte dai ricercatori, i professori Marco Tamietto e Luca Bonini, abbiano prevalso sulla propaganda».

Abstract articolo di Simona Lorenzetti

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...