Concorso ordinario docenti: chi è esonerato dalla prova.

Fonte:  Orizzontescuola.it – 12 febbraio 2021

Concorso ordinario infanzia primaria e secondaria I e II grado: si tratta di due distinti concorsi, che fanno riferimento a due diversi bandi ma che prevedono alcune procedure identiche, in particolare per la prova preselettiva. Su quest’ultima è scattato il toto data: in realtà non sappiamo ancora nulla di concreto, anche se il periodo migliore potrebbe essere tarda primavera – estate. Le ultime news.

Quando si svolge la prova preselettiva

Le prove preselettive sono eventualmente organizzate a livello regionale e sulle singole procedure.  Può infatti capitare che la preselettiva si renda necessaria per una classe di un concorso in alcune regioni e per altre no. Al momento conosciamo solo il numero totale delle domande presentate, non il singolo dato regionale per cui non è ancora dato sapere in quali regioni e per quali classi di concorso sarà prevista. Lo svolgimento della preselettiva si rende necessario qualora a livello regionale e per ciascuna distinta procedura, il numero dei candidati sia superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso e, comunque, non inferiore a 250.

Chi non svolge la preselettiva

Il candidato affetto da invalidita’ uguale o superiore all’80% non e’ tenuto a sostenere l’eventuale prova preselettiva ed e’ ammesso alle prove scritte […] della documentazione comprovante il grado di invalidita’. A tal fine, il candidato nella domanda compilata online avrà già dichiarato di volersi avvalere del beneficio. I candidati affetti da patologie limitatrici dell’autonomia, che ne facciano richiesta, sono assistiti, ai sensi dell’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nell’espletamento della prova.

Limitazioni intervenute dopo scadenza domanda (31 luglio 2020)

Eventuali gravi limitazioni fisiche, intervenute successivamente alla data di scadenza della presentazione della domanda, che potrebbero prevedere la concessione di ausili e/o tempi aggiuntivi, dovranno essere adeguatamente documentate, con certificazione medica, rilasciata da struttura pubblica, e comunicate, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata all’USR competente oppure a mezzo posta elettronica certificata

Abstract articolo di Redazione

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...