Scuole chiuse per varianti Covid, aumentano i focolai.

Fonte: Orizzontescuola.it – 12 febbraio 2021

La correlazione tra circolazione delle varianti Covid e aumento dei contagi tra i bambini non è stata provata ma è un dato di fatto che la maggior parte dei focolai collegati alle mutazioni del virus, in particolare a quella inglese, siano stati registrati nelle scuole. E il numero di comuni e Province che stanno decidendo di tornare alla didattica a distanza sta crescendo ora dopo ora. “Stando a ciò che dicono gli esperti inglesi – ha detto Massimo Galli, primario dell’ospedale Sacco di Milano -, i primi riscontri confermano che la variante inglese si trasmette più velocemente tra i più giovani. Varie evidenze vanno in questa direzione. Se confermato, questo è un problema per diversi motivi. Ricordiamoci che per i ragazzi e i bambini non abbiamo ancora un vaccino sperimentato. Inoltre, i giovanissimi di solito si infettano meno degli adulti, perché hanno una minore espressione di ricettori”.
Così, dopo Umbria, Abruzzo e Toscana, anche alcune amministrazioni locali di Lombardia e Lazio hanno stabilito la chiusura degli istituti per una quindicina di giorni. Ecco, allora, di seguito, tutte le regioni interessate da questo provvedimento.

Lombardia
Tra gli ultimi casi di cui si è avuta notizia c’è quello del Comune di Bollate, in provincia di Milano. Per il sindaco Francesco Vassallo, è ancora presto per parlare di zona rossa in tutto il comune ma intanto si è tornati alla didattica a distanza per arrestare la corsa del virus.

Lazio
Casi di variante inglese sono stati individuati anche nel Lazio ed in particolare a Roma, al Villaggio Prenestino. Il ceppo mutato del Covid-19, è stato riscontato in 3 campioni in analizzati tra gli alunni e il personale dell’istituto che comprende scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, con più di mille bambini, dopo l’allarme scattato la settimana scorsa con il primo riscontro in un alunno, sopposto a screening perché aveva la febbre. Tuttavia, la Regione ha rassicurato i cittadini: “La scuola è stata chiusa immediatamente e la diffusione del virus è stata circoscritta”.

Umbria
L’Umbria è la regione che più di tutte è messa in ginocchio dalla circolazione di nuove varianti, con un aumento sensibile dei casi soprattutto nei bambini nella fascia d’età fino ai 10 anni. Già cinquanta comuni della provincia di Perugia ed altri sei della provincia di Terni sono diventati zona rossa lunedì prossimo e le lezioni sono tornate a essere a distanza.

Marche
Nelle Marche casi positivi alla cosiddetta variante inglese sono stati rilevati tra gli alunni delle scuole di Tolentino, Pollenza e Castelfidardo. Nello specifico, a Tolentino si sono registrati 2 casi certi e un altro di elevato sospetto che coinvolgono anche un lavoratore presso una pelletteria locale, un contagio nella prima media della scuola Vincenzo Monti di Pollenza (Macerata) e altri 3 casi alla scuola Rodari di Castelfidardo (infanzia e primaria), in provincia di Ancona.

Abruzzo
Da lunedì scorso tutte le scuole superiori restano chiuse in Abruzzo per tornare alla didattica a distanza, secondo quanto previsto dall’ordinanza del governatore Marsilio valida fino al 21 febbraio.

Alto Adige

Scuole chiuse anche in Alto Adige, dove è in vigore la zona rossa fino al prossimo 28 febbraio.

Abstract articolo di Redazione.

Articoli recenti

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

RIDIMENSIONAMENTO SCOLASTICO, E’ SCONTRO TRA GOVERNO E SINDACATI

Non è vero che la matematica non sia un opinione. Ce lo insegna la polemica innescatasi in questi giorni sul piano di ridimensionamento scolastico. E a tremare è anche il principio che 2 più 2 faccia quattro. Non nel senso che non sia vero, ma che può essere...