Esame maturità 2021. Nuova formula di Draghi.

Neppure un mese fa era scontro nella maggioranza rispetto alle modalità dell’esame di maturità 2021: la ministra Azzolina proponeva di ripetere la prova solo orale come l’anno scorso con possibilità però di bocciatura e le prove invalsi non avrebbero fatto parte della prova.

Con il cambio del governo potrebbe esserci dunque anche un cambio nello svolgimento dell’Esame di Stato di secondo grado? L’intento dell’esecutivo Draghi sarebbe questo: svolgere almeno una prova scritta, confermare i Pcto, e recuperare le prove Invalsi cancellate a causa della pandemia lo scorso anno. Ora il panorama è ancora più incerto e le voci sono molte sull’argomento. “In questo momento di grande incertezza, politica e sociale, c’è chi continua a pensare che il ritorno alla normalità sia riprendere le prove Invalsi in presenza e confermare i percorsi alternanza scuola-lavoro, avvenuti in maniera ovviamente precaria, come tassello degli esami di Stato“, commenta la Flc Cgil.

Secondo la presidente Invalsi Anna Maria Ajello si potrebbero svolgere le prove invalsi in sicurezza anche in presenza mentre Flc Cgil controbatte che è un rischio che in questa situazione pandemica ancora complessa non possiamo permetterci.

Il parere di Roberto Ricci, responsabile Area Prove Invalsi, e di Antonio Giannelli, presidente dell’Anp, è invece che le prove invalsi siano una “ fotografia “ importante delle competenze acquisite: “servono a fare una diagnostica del mondo della scuola puntando su quelle che chiamiamo competenze (il saper fare, la lettura e comprensione del testo, problem solving)”.

La Cisl si esprime affermando che le prove invalsi debbano rimanere fuori dall’esame perché in questo momento si configurerebbero solo come un’ulteriore difficoltà per i ragazzi.

Sindacati Uil e Snals d’accordo su mantenere come l’anno scorso solo una prova orale.

E’ stato ipotizzato inoltre dal nuovo governo di allungare il calendario scolastico al fine di permettere il recupero delle lezioni perse, specie per quanti hanno dovuto svolgere prettamente didattica online ma il rischio sarebbe quello di dover rimandare eccessivamente gli esami di maturità creando non pochi problemi a quanti avessero intenzione di fare corsi all’estero e prepararsi per i test d’ingresso all’Università. Si attendono nuovi svolgimenti.

Ilaria Montenegri

Fonti: orizzontescuola.it, corriere.it, ilvaloreitaliano.it

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...