Il piano: scuole aperte fino ad agosto

Fonte: Il Messaggero – 18 marzo 2021

Le scuole rimangono chiuse ma l’obiettivo del ministero dell’Istruzione è organizzare per il periodo estivo un “ponte”  verso il nuovo anno scolastico di cui ha parlato due giorni fa nell’audizione davanti alle Camere. L’anno scolastico non subirà  dunque cambiamenti e finirà nella seconda settimana di giugno, come previsto. L’idea di Bianchi e del comitato di esperti che ha messo al lavoro quasi un mese fa è di tenere aperte le scuole fino a fine luglio — e se possibile anche per una parte di agosto — per «attività di laboratorio e di socializzazione» per «creare una continuità nella vita dei ragazzi» e per «il rafforzamento delle competenze» in vista del ritorno alla normalità. Le modalità con cui si svolgeranno queste attività sono in corso di definizione ma sicuramente la frequenza dei laboratori non sarà obbligatoria per gli studenti e non ci saranno voti né appelli. Le scuole dovranno organizzare non per le singole classi ma per gruppi di studenti, dentro gli istituti o anche all’esterno attività sportive, teatrali o spettacoli che permetterebbero anche di richiamare a lavorare tanti lavoratori del settore costretti a fermarsi in questa emergenza. E poi gioco, attività formative varie, dall’arte al coding, dalla fotografia alle visite in città, alle gite. «Sarà ogni scuola nella sua autonomia a decidere come procedere» ma certo queste attività hanno una premessa unica: che a giugno si possa essere a scuola. Uno dei problemi da chiarire prima di annunciare il piano è il ruolo che dovranno o potranno avere gli insegnanti. L’idea che sta prevalendo è che la loro partecipazione sia su base volontaria, anche se retribuita a parte. Chi può bene, altrimenti le scuole lavoreranno con le associazioni di volontariato come già fanno nelle (poche) zone in cui sono stati attivati i patti di comunità. Il piano supererebbe così le possibili critiche del sindacato. Al momento al ministero stanno facendo i conti sui costi e sulle risorse disponibili per queste attività che devono essere gratuite per le famiglie. Ci sono fondi «Pon» e potrebbe arrivare qualche altro stanziamento nei prossimi decreti per l’emergenza. E i recuperi degli apprendimenti? Le attività dei laboratori dovranno essere formative, coinvolgendo dove possibile gli studenti più grandi nel lavoro con i più piccoli. Per quanto riguarda le superiori — se verrà confermato che la promozione non è garantita come invece avvenne lo scorso anno — si svolgeranno i tradizionali corsi di recupero prima degli esami che le scuole, a giugno o a settembre, attivano per i rimandati. È probabile che le attività ponte per le superiori comincino a luglio dopo la maturità.

Abstract articolo di Gianna Fregonara

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...