Piano estate con il terzo settore

Stanziati i fondi per tenere aperte le scuole d’estate, come ponte verso il prossimo anno scolastico. Grazie ai Patti di comunità sono stati messi a disposizione 150 milioni di euro per il 2021 e sono stati previsti nel decreto legge Sostegni approvato venerdì dal Consiglio dei ministri e ieri controfirmato dal capo dello stato.
Prende forma quindi nel dl Sostegni il piano estate del ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi. «Ci sono risorse», spiega, «per accompagnare la chiusura dell’anno scolastico e la costruzione di un ponte verso il prossimo, per il recupero di competenze e socialità». Previsti dal decreto Sostegni come incremento del fondo ex lege 440/1997, i 150 milioni di euro serviranno «a supportare», si legge nel provvedimento, «le istituzioni scolastiche nella gestione della situazione emergenziale e nello sviluppo di attività volte a potenziare l’offerta formativa extracurricolare, il recupero delle competenze di base, il consolidamento delle discipline, la promozione di attività per il recupero della socialità, della proattività, della vita di gruppo» degli studenti «anche nel periodo che intercorre tra la fine delle lezioni dell’anno scolastico 2020/2021 e l’inizio di quelle dell’anno scolastico 2021/2022». (…) I fondi destinati a incrementare il fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche previsto dall’articolo 1, comma 601, della legge 296/2006. E saranno assegnati alle scuole per provvedere all’acquisto di dispositivi di protezione, materiali per l’igiene individuale, degli ambienti e di ogni altro materiale di consumo il cui impiego sia riconducibile all’emergenza epidemiologica da Covid- 19. Le risorse potranno anche essere utilizzate per l’acquisto di specifici servizi professionali per il supporto e l’assistenza psicologica e pedagogica, da rivolgere in particolare modo a studentesse studenti, oltre che al personale scolastico.

Fonte: Italia Oggi – 23 marzo 2021
Abstract articolo di Emanuela Micucci e Marco Nobilio

Articoli recenti

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

APPRODA ALLA CAMERA LA RIFORMA DELL’ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE

Gli Istituti tecnologici superiori (ITS Academy) saranno presto realtà. Chi sarà in possesso del diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale potrà accedere a questo secondo percorso, finalizzato soprattutto all’inserimento nel mondo del lavoro. Al...

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

Didattica attiva: che cos’è la lezione euristica?

La lezione euristica è quell’approccio didattico basato sul mettere al centro del processo di apprendimento l’alunno che lavora ad una ricerca, un’indagine, dalla quale possa scaturire una scoperta, spesso estremamente empirica. Ed è tale scoperta, nata da un processo...

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

CONSIGLI DI ISTITUTO CONTRO LA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Non piace la Scuola di Alta Formazione e ora a scendere in campo contro il progetto sono interi collegi di docenti. E’ il caso degli insegnanti dell’Istituto Pesenti di Cascina (PI) – tanto per citare un esempio – che hanno preso carta e penna per fare conoscere...

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

30 CFU CHI LI DEVE ACQUISIRE?

Docenti precari accedono direttamente al concorso. La legge 76/2022, che contiene le nuove regole del reclutamento degli insegnanti, prevede delle misure ad hoc per i precari con 3 anni di servizio. Al comma 4 dell’articolo 5 della legge appena approvata, si legge...